Economia Chiesa Nuova / Via Vergnano

Debiti per 40 milioni di euro, operai senza stipendio da mesi

Giallo al picchetto della Wave di Via Vergnano: auto e furgone forzano il blocco, portano via materiale e documenti. L'azienda è fallita: 23 operai ancora aspettano, e con loro 500 creditori. Debiti per 40 milioni di euro

Foto d'archivio

Allarme rosso alla Wave srl di Via Vergnano a Brescia. La situazione (critica) si trascina ormai da tempo: in “ballo” sono rimasti ancora 23 lavoratori, in attesa di uno stipendio che non arriva ormai da mesi. E adesso anche lo stabilimento rischia di essere abbandonato: per il momento, sono proprio gli ex operai a tenerlo d'occhio con un presidio.

L'azienda ha sempre prodotto presse ad iniezione. Il marchio storico era l'Ht Mir, in crisi in realtà dal 2007 ma dichiarata fallita poco più di un mese fa, il 1 aprile scorso. Passaggio di consegne (e di marchio) alla Fdp, ma nel tempo la situazione non era migliorata.

I conti sono in rosso: oltre ai 23 operai ci sarebbero altri 500 creditori in attesa, per un passivo accertato di oltre 40 milioni di euro. Altro problema: il curatore fallimentare non sarebbe ancora riuscito a recuperare le chiavi dello stabile.

Le cose si complicano. Momenti di alta tensione anche al presidio fuori dalla fabbrica: venerdì pomeriggio un furgone e un'auto con targa San Marino hanno forzato il blocco, sono entrati in azienda e pare abbiano portato via materiale pregiato e vari documenti.

L'auto, nel tentativo di forzare il blocco, avrebbe poi "travolto" un operaio, poi medicato ad una gamba al pronto soccorso. Si sarebbe trattato di un abuso: non solo per l'infortunio, ma per ingresso non autorizzato in uno spazio privato.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Debiti per 40 milioni di euro, operai senza stipendio da mesi

BresciaToday è in caricamento