Economia

Fallisce la Screen Service, destino amaro per 48 lavoratori

Bocciato il piano concordatario, per la Screen Service di Brescia e Lainate inevitabile l'istanza di fallimento: a pagare saranno quasi una cinquantina di lavoratori. L'ipotesi dell'esercizio provvisorio

Foto di repertorio

Forse il destino era già segnato, forse è andata come ormai era deciso dovesse andare. Un macigno sulla testa di una cinquantina di lavoratori: la Screen Service Broadcasting Technologies è ufficialmente fallita. E sono ufficialmente 48 i lavoratori per cui a fine anno scadrà la cassa integrazione straordinaria: anche qui la strada è già tracciata, prima la mobilità e poi il licenziamento.

Nelle ultime settimane a Brescia si era lavorato ad un piano concordatario: la 'vecchia' Screen Service doveva essere acquistata dalla newco Screen srl, composta dalla 3xCapital – la società del curatore fallimentare – e della Syes di Lissone, azienda del settore delle telecomunicazioni con sede in provincia di Monza e Brianza, lontanamente legata al mondo Mediaset e già nota alle cronache per aver partecipato alla 'gara' di Rai Way. Il piano prevedeva anche il riassorbimento di 27 lavoratori.

Niente da fare: il piano di rientro – perdite per 90 milioni, debiti accertati per 50 – non ha soddisfatto il Tribunale che ha così predisposto l'istanza di fallimento. Ma c'è una luce in fondo al tunnel: l'ipotesi è quella dell'esercizio provvisorio dell'azienda, modalità che servirebbe a tutelare i creditori. Potrebbe essere predisposto anche limitatamente a specifici rami dell'azienda.


In ogni caso la fine di un'epoca: la Screen Service ha quasi 27 anni di età, sedi a Brescia e Lainate, quotata in Borsa nel 2007 e addirittura titolare di frequenze televisive sul digitale terrestre dopo l'acquisizione di TivuItalia, nel 2009. Giù il sipario.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Fallisce la Screen Service, destino amaro per 48 lavoratori

BresciaToday è in caricamento