Destino segnato: dopo 170 anni azienda fallisce, a casa 95 operai

Dopo oltre 170 anni di attività chiude la Savelli Spa di Via Cacciamali, il Tribunale di Brescia ne ha dichiarato il fallimento. Resteranno senza lavoro 95 operai

Il destino purtroppo pareva segnato da tempo: la Savelli Spa di Via Cacciamali a Brescia è stata dichiarata fallita dal Tribunale. La fine di un'amara odissea: quasi un centinaio di operai in cassa integrazione, il crollo della produzione di quasi un quarto, perdite ancora a ranghi tutto sommato ridotti – circa 1 milione all'anno – ma decisive.

In tutto sono 95 gli operai che rimarranno a casa: la cassa integrazione sarebbe dovuta scadere proprio a marzo. Nelle scorse settimane la Fiom avrebbe chiesto l'avvio di procedura per la cassa integrazione straordinaria.

La fine di un'epoca, anzi forse di due o tre: la Savelli è una delle più antiche imprese bresciane, una delle più antiche fonderie d'Italia. Venne fondata addirittura nel 1842: una storia lunga più di 170 anni, su cui ora è calato davvero il sipario.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • "Devi far sesso con me, ma voglio i soldi": si rifiuta, lei lo butta giù dalla finestra

  • All'ospedale Civile una paziente col Coronavirus, controlli su 5 bresciani

  • Emergenza Coronavirus: 4 casi positivi al Civile, c'è il primo bresciano

  • Emergenza coronavirus: scuole chiuse in tutta la Lombardia

  • Coronavirus, Lombardia 'blindata": scuole chiuse, bar e locali off limits dalle 18

  • Coronavirus in Lombardia: 100 persone a rischio, 70 vanno in quarantena

Torna su
BresciaToday è in caricamento