Martedì, 18 Maggio 2021
Economia Via Don Gian Battista Salvi

A Rodengo Saiano anche i cani vanno all’asilo da Michela e "Tappis"

È un vero e proprio asilo per gli amici a quattro zampe, quello predisposto da Michela all'interno del negozio "Tappis Wash" di via Gian Battista Salvi

Michela

Tappis è il padrone di casa. Pardon, del negozio e dell’asilo che ovviamente portano il suo nome. Accanto a lui ci sono Audry e Loeb, due levrieri  spagnoli salvati dalla soppressione e poi adottati. Sono loro ad accogliere i compagni di giochi per un giorno, o anche solo per poche ore. A prendersi cura di loro, portandoli anche a passeggio, è Michela: è riuscita a trasformare l’amore per gli amici a quattro zampe in una professione. 

Faceva la barista, un anno fa è rimasta senza lavoro, ma non con le mani in mano. Da due mesi ha aperto un negozio di toelettatura per animali, che  è diventato un vero asilo, con tariffe orarie, carnet o abbonamenti per ingressi giornalieri. Sì, un asilo per i cani, dove i miglior amici dell'uomo possono trascorrere del tempo in compagnia dei loro simili,  facendo svariate attività. Un posto a prova di “disastri” dove lasciare Fido mentre si va al lavoro. Un servizio "di lusso" che sembra piacere e che ha già trovato clientela, alla faccia della crisi.

“Non mi sembra ancora vero - spiega Michela - ho sempre amato i cani ed occuparmi di loro per lavoro è un sogno realizzato. L’idea dell’asilo mi è venuta perché so cosa significa avere dei cani e sentirsi in colpa perché li si lascia da soli per lungo tempo. Nel negozio abbiamo attrezzato un’area recintata dove tenere gli amici a 4 zampe,  i recinti sono separati per cani che non amano stare in compagnia.”

La fase più delicata è quella dell’inserimento, ma bastano alcuni accorgimenti per superare l’iniziale differenza verso un luogo sconosciuto: "Noi offriamo un ora d'inserimento gratuita che serve a noi per valutare il cane e al cane stesso per conoscere l'ambiente e capire che il padrone lo verrà a riprendere. Per farli sentire a casa basta portare una loro copertina o la loro cuccia, in maniera tale che non si sentano abbandonati. Se devono mangiare consiglio di portare le crocchette che usano abitualmente così non avranno un cambio di alimentazione, che può causare problemi intestinali.” 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

A Rodengo Saiano anche i cani vanno all’asilo da Michela e "Tappis"

BresciaToday è in caricamento