Guardie Giurate, troppe ore di lavoro e i soldi sono pochi

Continua ormai da anni la trattativa per il rinnovo contrattuale. La Cisl in prima fila nella battaglia: "Lo stipendio è basso e si lavoro troppo. In più, la formazione è spesso insufficiente"

La Cisl di Brescia continua la sua lotta sulla situazione delle 1200 guardie giurate che lavorano nella nostra provincia e che da 4 anni sono senza contratto.

Tre le richieste sindacali avanzate al tavolo di trattativa e sempre respinte dalle associazioni datoriali.

La prima è l'adeguamento dello stipendio, visto che la paga base di una guardia giurata è di 950 euro al mese.

C'è poi la questione della formazione costante, "aspetto decisivo e troppo spesso sottovalutato" da istituti di vigilanza “pirata”, che vincono appalti puntando al massimo ribasso a scapito della qualità e della sicurezza del servizi da rendere.

Infine, viene chiesta una regolamentazione più rigida dell’orario di lavoro: "Ci sono guardie giurate costrette a tredici ore di lavoro al giorno per portare a casa uno stipendio decente, ma è impossibile mantenere la necessaria lucidità così a lungo in un mestiere come questo".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La nuova star della dieta? Un nutrizionista bresciano: "Ecco il mio metodo"

  • Tutte le regioni zona gialla a dicembre, ma si va verso il divieto di spostamento

  • Tragedia in paese: giovane uomo si chiude in garage e si toglie la vita

  • Massimo Boldi: il negazionista Covid testimonial del nuovo spot di Regione Lombardia

  • Barista fa sesso con un imprenditore, resta incinta e perde il bimbo: "Dammi 60mila euro"

  • Maestra positiva al Covid: "Dolori allucinanti, anche alla testa. Ho temuto d'essere morta"

Torna su
BresciaToday è in caricamento