rotate-mobile
Lunedì, 29 Novembre 2021
Economia

MAC Iveco: nessuna risposta alla Fiom, pronte nuove proteste

E' passato già un mese dalla richiesta di un nuovo incontro con la proprietà, che però continua a tacere. Fiom: "Mostreremo chi non rispetta la legalità in questa città"

Venerdì 4 gennaio, la Fiom Cgil ha sollecitato a Mac e a Iveco l’incontro richiesto già dal giorno 7 dicembre scorso, con una lettera consegnata per conoscenza anche al Sindaco Paroli, al Prefetto e al Questore. Da allora non sono state date risposte al sindacato né alle istituzioni.

Per la Fiom, inoltre, "non sono state date risposte anche a quei lavoratori che già dal 22 ottobre 2012 hanno dato la loro disponibilità al trasferimento presso lo stabilimento Iveco di Bolzano e presso lo stabilimento Mac di Torino".

- Iveco: «Paghino pure i crumiri, non ci arrendiamo»

Nei prossimi giorni, la Fiom e gli operai della Mac decideranno le iniziative da intraprendere per avere le risposte alla scelta della proprietà di licenziare tutti gli 84 dipendenti, non ritenendo accettabile "che la legalità, più volte invocata, sia una richiesta che le istituzioni e le aziende coinvolte rivolgono unicamente alla Fiom e ai lavoratori".

"Abbiamo chiesto - fa sapere il sindacato - a tutti i soggetti interessati di poter discutere con Mac e Iveco. Se ciò non avverrà, saremo di fronte ad una scelta, che mostrerebbe chi, in questa città, non rispetta la legalità. In tal caso, ognuno sarà libero di poter agire come meglio ritiene".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

MAC Iveco: nessuna risposta alla Fiom, pronte nuove proteste

BresciaToday è in caricamento