menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Cassa integrazione su in Lombardia, ma cala nel Bresciano

E’ quanto emerge dalle elaborazioni della Cisl regionale sulla cassa integrazione degli ultimi tre mesi e sul primo semestre 2012

Aumentano le difficoltà del mercato del lavoro in Lombardia, con un incremento del numero delle aziende e dei lavoratori intrappolati nelle conseguenze della crisi.

Brescia fa segnare invece un lieve rallentamento nel ricorso agli ammortizzatori sociali, con una diminuzione del 10,9% delle ore autorizzar per CIG ordinaria, straordinaria e in deroga.

Nei mesi di aprile, maggio e giugno, si è registrato nella nostra regione un ulteriore incremento del 7,2% di ore di cassa integrazione rispetto ai primi tre mesi dell’anno. L’aumento più marcato (+ 14,4%) è avvenuto per le richieste di cassa in deroga, istituto a cui ricorrono artigianato e piccole imprese.

Nel bresciano, il confronto dei dati tra primo e secondo trimestre della cassa integrazione fa registrare invece una contrazione della richiesta complessiva: -10,9%. I settori occupazionali in cui la variazione percentuale tra primo e secondo trimestre segna una diminuzione della richiesta di ammortizzatori sociali sono la moda (-38,7%), il meccanico-metallurgico (-17,4%) l’edilizia (-18%). Per contro le richieste di cassa integrazione sono esplose nel comparto cartai-poligrafici, nell’agroalimentare e nel commercio.
 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Il falso mito dell'acqua e limone da bere (calda) la mattina

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BresciaToday è in caricamento