Insieme per UBI: "Popolari, una buona riforma da attuare al più presto"

Il Presidente dell'Associazione dr Mario Bianchi è soddisfatto per la conversione in legge del Decreto di Riforma delle Banche Popolari

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di BresciaToday

L'Associazione Insieme per UBI esprime soddisfazione per la conversione in legge del decreto di riforma delle Banche Popolari e sottolinea come lo stesso risolva lo stato di immobilismo che da troppo tempo contraddistingueva il comparto, ad eccezione di UBI che aveva provveduto ad una significativa riforma del proprio statuto. Non si può non ricordare che l'Associazione delle Banche Popolari pur consapevole della situazione, non ha mai voluto concretamente dar seguito ad un progetto di autoriforma che molti azionisti ed osservatori da tempo auspicavano.

"Insieme per UBI - ha dichiarato il Presidente Dr. Mario Bianchi - confida che gli organi di governo della banca provvedano in tempi rapidi alla definizione delle necessarie modifiche statutarie da sottoporre all'Assemblea dei Soci per la loro approvazione. Infatti una rapida adozione di un nuovo statuto consentirà al gruppo UBI di valutare e cogliere le migliori opportunità offerte dal processo di aggregazione in corso nel settore bancario e riaffermerà l'attenzione della banca al perseguimento degli scopi sociali tra i quali preme ricordare il costante miglioramento della qualità dei servizi alla clientela e l'accrescimento di valore per gli azionisti. Visto che UBI è sempre stata "avanti", sarebbe bene muoversi anche questa volta prima delle altre ex Popolari".

Torna su
BresciaToday è in caricamento