Economia

Ideal Standard, Rsu: "Comune e provincia si sfilano. Vogliamo un chiarimento"

Dopo la bocciatura della piattaforma logistica durante l'incontro al Ministero, la Rsu annuncia che l'assemblea dei lavoratori vuole "un'urgente chiarimento con le amministrazioni locali"

Nell'incontro di mercoledì al Ministero dello Sviluppo economico abbiamo finalmente  potuto verificare che gli unici soggetti che hanno rispettato gli accordi sono stati i lavoratori.

Così scrive in comunicato la Rappresentanza Sindacale Unitaria, sul caso dell'addio al piano industriale per realizzare la piattaforma logistica alla Piccola di Brescia.

Ideal Standard, FFS, Provincia e Comune, con rilievi diversi, di fatto hanno manifestato l'esaurirsi delle condizioni per poter realizzare la piattaforma logistica presso la Piccola di Brescia.

"Colpa di chi?", si domanda la Rsu. "Colpa di chi ha chiesto ai lavoratori di mollare uno stabilimento in cambio di un progetto che non e' mai decollato.
Colpa dell'azienda, delle Ferrovie per tutte le bugie di questi anni e colpa delle istituzioni bresciane che non hanno saputo esercitare un ruolo positivo".


Ma per i lavoratori non finisce qua: "Chiediamo che nel prossimo incontro che il ministero convocherà ad ottobre escano soluzioni alternative. L'assemblea dei lavoratori deciderà le prossime iniziative, a partire da un'urgente chiarimento con le amministrazioni locali".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ideal Standard, Rsu: "Comune e provincia si sfilano. Vogliamo un chiarimento"

BresciaToday è in caricamento