Brescia è la "patria" delle discariche: attivi 147 impianti in tutta la provincia

La nostra provincia è la prima in assoluto, in tutta Italia, per materiale smaltito per chilometro quadrato: 13 volte sopra la media nazionale

Foto d'archivio

La terra delle discariche: sono ben 147 gli impianti di stoccaggio e smaltimento di materiali (anche pericolosi) attivi in tutta la provincia di Brescia, per un totale di oltre 57 milioni di metri cubi di rifiuti. A questi potrebbero aggiungersene altri 6 milioni e poco più: a tanto ammonta infatti la “quota” di nuove discariche che potrebbe aggiungersi da qui ai prossimi anni nel territorio provinciale, in parte solo richieste e in parte già autorizzate (ricorsi permettendo). 

Smaltimento rifiuti: 13 volte sopra la media nazionale

Sono questi i dati resi noti dall'ultimo studio dell'Osservatorio sulla criminalità organizzata firmato dall'Università degli Studi di Milano e pubblicato dal Giornale di Brescia, da cui si evince il triste primato bresciano: la nostra provincia è al primo posto in assoluto, in Lombardia e in Italia, per la media di rifiuti che vengono smaltiti per chilometro quadrato, pari a 13 volte la media nazionale.

Rezzato: lo stop alla discarica Castella 2

In merito a nuovi e vecchi impianti di smaltimento, è notizia di questi giorni lo stop giudiziario per la realizzazione della nuova discarica Castella 2 di Rezzato, su cui il Comune (e i municipi vicini) e gli ambientalisti battagliano ormai da anni. Il diniego alla realizzazione del nuovo sito di stoccaggio è stato firmato dal Consiglio di Stato (l'impianto avrebbe dovuto fagocitare fino a 900mila metri cubi di rifiuti).

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Impianti in arrivo: 6 milioni di metri cubi

Ma è ancora lungo l'elenco delle discariche che sono già state o potrebbero venire autorizzate, o sui pendono ricorsi da una parte (cittadini e Comuni contrari) e dall'altra (le società che chiedono di poter avviare l'attività): tra le tante, ricordiamo il nuovo impianto da oltre 1,3 milioni di cubi nell'ex cava Fenil Novo di Ghedi, nell'Ambito estrattivo 39, oppure la discarica Macogna, già attiva, per cui è stata fatta richiesta di un ampliamento da quasi mezzo milione di metri cubi. Tra le discariche attive, infine, impossibile non citare il “fenomeno” Montichiari, dove tra Vighizzolo e dintorni si contano almeno una dozzina di impianti.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: primo bambino positivo in una scuola bresciana, classe in isolamento

  • Masturbava ragazzini al parco, in cambio gli comprava scarpe e spinelli

  • Incidente in A4 tra Desenzano e Brescia: chilometri di code

  • Precipita per oltre 8 metri: muore sotto gli occhi dei nipotini di 6 e 8 anni

  • Un uomo e un ragazzo fanno sesso sul ciglio della strada: multa da 20.000 euro

  • Apre nuovo supermercato: maxi-store da 3.800 mq aperto tutti i giorni

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
BresciaToday è in caricamento