Dopo mezzo secolo chiude la storica gastronomia di Brescia

La notizia è di pochi giorni fa: ha chiuso i battenti la storica gastronomia Al Ceppo di Via Gramsci, aperta nel 1969 da Fausto Rocca. Un altro pezzo di storia bresciana che se ne va

Il banco formaggi della gastronomia Al Ceppo di Brescia

Lo spiedo ma pure la paella. La soppressa vicentina e il pesto alla genovese. Il pirlo con il Franciacorta e il passito di Pantelleria. Sono solo alcune delle tantissime offerte gastronomiche che per quasi mezzo secolo – aveva aperto i battenti nel 1969 – hanno accompagnato la gastronomia Al Ceppo di Brescia, al civico 11 di Via Gramsci.

Aperta la bellezza di 47 anni fa, la storica gastronomia si è dovuta arrendere al correre dei tempi. La notizia è di pochi giorni fa: il titolare Fausto Rocca ha deciso di appendere il grembiule al chiodo. Non solo per colpa della crisi, che comunque ha pesato: forse anche per sopraggiunti limiti di età, forse per la stanchezza.

I tavolini bianchi e in legno, gli interni sempre rinnovati, le apericene del mercoledì sera – una novità degli ultimi tempi – e le pause pranzo quotidiane, perfino l'adesione a TripAdvisor, annunciata su Facebook il 20 gennaio scorso.

Una decisione che ha colto tutti (o quasi) di sorpresa. Per gli amanti della buona tavola, dei prodotti locali e non, dei primi e dei secondi fatti in casa: oggi fare la spesa non sarà più la stessa cosa.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La nuova star della dieta? Un nutrizionista bresciano: "Ecco il mio metodo"

  • Tutte le regioni zona gialla a dicembre, ma si va verso il divieto di spostamento

  • Tragedia in paese: giovane uomo si chiude in garage e si toglie la vita

  • Massimo Boldi: il negazionista Covid testimonial del nuovo spot di Regione Lombardia

  • Barista fa sesso con un imprenditore, resta incinta e perde il bimbo: "Dammi 60mila euro"

  • Zona rossa: il ristorante rimane aperto a pranzo, ed è tutto a norma di legge

Torna su
BresciaToday è in caricamento