Economia Via Alessandro Lamarmora, 189

Centrale del Latte in vendita: il Comune cede quote per 30 milioni

Tempo di crisi e di grandi cambiamenti: il Comune di Brescia cede il 45% del pacchetto azionario della Centrale del Latte, per incassare almeno 30 milioni di euro. Entro il quinquennio 100 milioni dalla vendita del patrimonio comunale

Tempo di crisi, e tempo di grandi cambiamenti: enti pubblici grandi e meno grandi che devono di fatto ‘rientrare’ nei ranghi, mettere a posto i conti, rispettare i patti e gli ordini che arrivano da Roma ma soprattutto da Bruxelles.

E così anche il Comune di Brescia si prepara a ‘spacchettare’ la quota azionaria pubblica della Centrale del Latte: azienda municipalizzata di cui la Loggia detiene ancora il 96% del totale, quasi 7,5 milioni di azioni, e dalla cui vendita vorrebbe (e potrebbe) ricavarne anche 30 milioni di euro.

Niente svendite folli, per carità, ma la necessità di risolvere in tempi brevi un equivalente buco di bilancio, e di mettere i conti un po’ a posto. Saranno messe in vendita circa il 45% della azioni della Centrale, seguendo però dei canali privilegiati: si sono già fatti avanti gli allevatori della filiera, il sindaco garantisce il coinvolgimento degli stessi dipendenti.

Sarà solo il primo passo di un ‘lungo cammino’ in cui pezzo dopo pezzo la ‘torta’ pubblica verrà in parte privatizzata: dall’ultimo Consiglio Comunale infatti la conferma ‘tecnica’ di un piano cessioni del patrimonio comunale anche di 100 milioni di euro.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Centrale del Latte in vendita: il Comune cede quote per 30 milioni

BresciaToday è in caricamento