rotate-mobile
Venerdì, 3 Dicembre 2021
Economia

Crisi: Brescia seconda città italiana per cambiali protestate

"Le imprese ricevono sempre meno prestiti e nel contempo fanno sempre più fatica a restituire quelli ricevuti", osserva Giuseppe Bortolussi della Cgia di Mestre

Privati e imprese sono sempre più in affanno nel rispetto delle scadenze di cambiali, assegni e tratte. Nei primi sei mesi del 2012 - afferma Infocamere - sono stati notificati oltre 670mila protesti, 16mila in più rispetto allo stesso periodo del 2011 (+2,4%) per un valore totale di 1,642 miliardi di euro (-7,4% rispetto al 2011). L'importo medio dei titoli contestati è stato intorno ai 2.440 euro.

E il Sud Italia appare l'area più in difficoltà, con un aumento del 6% dei titoli non onorati in tempo e dello 0,3% dell'importo complessivo. Molte le aziende che lottano contro la chiusura e le sofferenze - fa sapere la Cgia di Mestre - sfiorano ormai 88 miliardi di euro, un record dall'avvento dell'euro. Fra i titoli protestati in crescita le cambiali (5,1%) mentre sono diminuiti gli assegni (-4,6%) e le tratte (-11,6%), strumento residuale ma ancora in uso nel mondo degli affari.

E' la Valle d'Aosta la regione che ha visto il maggior aumento (+52%) di protesti nei primi sei mesi del 2012, seguita dal Molise (+22,8) che ha registrato il più alto ammontare medio dei titoli protestati (3.039 euro, +40% in un anno) seguito da Abruzzo (+22,4%) e Sardegna (+15,7%), mentre nel Sud e Isole - secondo l'elaborazione di InfoCamere sull'andamento dei protesti del Registro Informatico tenuto dalle Camere di Commercio - è stata la Calabria a registrare l'aumento più contenuto (+0,6%) del numero di effetti protestati.

Al rispetto delle scadenze, "i più refrattari" sono nella provincia di Roma, seguiti da quella milanese e napoletana: in queste tre province si concentra oltre un quarto (26,1%) di tutto l'insoluto nazionale del periodo. La classifica del valore medio più alto degli assegni protestati vede al top la provincia di Asti (oltre 14mila euro) e quella di Cremona (12mila); per le cambiali in vetta c'é Imperia (3.954 euro) seguita da Brescia.


Le imprese, osserva il segretario della Cgia, Giuseppe Bortolussi, "ricevono sempre meno prestiti e nel contempo fanno sempre più fatica a restituire quelli ricevuti. Tra agosto 2011 e lo stesso mese di quest'anno la contrazione delle erogazioni dalle banche alle imprese è stata di circa 27 miliardi, mentre le sofferenze in capo al sistema imprenditoriale sono aumentate di 12,3 miliardi di euro".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Crisi: Brescia seconda città italiana per cambiali protestate

BresciaToday è in caricamento