Serrande abbassate in piazza: dopo un secolo chiude lo storico (e unico) bar

Domenica il Bar della Piazza di Caionvico abbasserà la serranda: aperto negli anni Venti, da 17 anni era gestito da Michele Savoldi e dalla madre Ferdi

Il Bar della Piazza di Caionvico © Bresciatoday.it

Era l'unica attività rimasta aperta nel quartiere Caionvico di Brescia: punto di ritrovo e ristoro dei residenti da ormai un secolo. Ora anche il bar della Piazza di Caionvico, negli ultimi 17 anni gestito da Michele Savoldi e dalla madre Ferdi, si prepara ad abbassare la saracinesca.

Un cartello sulla vetrata avvisa i clienti dell'imminente chiusura e li ringrazia. Per colazioni e aperitivi all'ombra della stupenda bignonia che incornicia lo storico bar c'è tempo fino a domenica mattina: dalle 13 del 20 settembre la saracinesca si abbasserà. Per sempre? Gli attuali titolari e gli avventori abituali si augurano di no: "Speriamo che qualcuno subentri e prenda la gestione del bar, soprattutto per non lasciare il quartiere orfano anche di questa attività", ci racconta Ferdi mentre serve gli affezionati clienti. Qualcuno avrebbe già chiesto informazioni, ma per il momento nessuna proposta concreta è pervenuta ai titolari.

Sulle ragioni della chiusura poche (ma eloquenti) spiegazioni: "Le difficoltà non sono mancate, anche se abbiamo un bel giro di clienti: abbiamo sempre cercato di andare avanti e di non mollare, ma il lockdown è stata la mazzata finale e ora è tempo di dire stop", spiega la donna.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Non solo bar: l'attività che si affaccia sulla piazzetta del borgo è l'unica della zona dove poter comprare giornali, riviste e sigarette. Un punto di aggregazione e socializzazione per intere generazioni che sparisce dopo tutte le altre attività del quartiere. Resta l'amarezza e la tristezza di tanti clienti, abituati ormai da anni a incrociare gli sguardi di Ferdi e Michele e a fare due chiacchiere con loro. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Brescia: terremoto di magnitudo 2.7, epicentro a Caino

  • "Oltre 2300 in terapia intensiva, governo pronto al nuovo lockdown in Italia"

  • Tentato suicidio a scuola: ragazzina si butta dal balcone

  • Coprifuoco in tutta la Lombardia, ok del governo: dalle 23 stop attività e spostamenti

  • Dpcm 18 ottobre: le nuove misure della stretta in arrivo oggi

  • Autocertificazione covid Lombardia: modulo da scaricare Ottobre 2020

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
BresciaToday è in caricamento