rotate-mobile
Economia

Il bonus 200 euro per i lavoratori in busta paga: chi deve fare domanda

Le prime erogazioni dell'incentivo pensato dal governo Draghi per far fronte al caro prezzi partiranno a luglio 2022. Ma c'è chi lo riceverà direttamente in busta paga e chi dovrà fare un'apposita richiesta. Tre gruppi di lavoratori riceveranno l'indennità dopo il 31 agosto

Quando arriva il bonus di 200 euro introdotto dal governo Draghi per 31,5 milioni di lavoratori, disoccupati e pensionati con il decreto Aiuti (decreto legge 50/2022)? E chi deve fare domanda? Nella platea dei beneficiari dell'incentivo "anti inflazione", la metà - circa 15 milioni - rientra nel bacino dei lavoratori dipendenti: del settore privato, del pubblico, domestici, stagionali, del turismo e dello spettacolo. Ancora poche settimane e alcune categorie di beneficiari del bonus 200 euro pensato dal governo per aiutare i cittadini contro il caro prezzi riceveranno l'importo una tantum. Molti di questi saranno lavoratori dipendenti, appartenenti a diversi settori e categorie produttive, ma le regole e le procedure per ottenere il contributo non sono uguali per tutti. Per ciascuna categoria, infatti, ci sono requisiti e modalità di domanda differenti. Cerchiamo di fare chiarezza, caso per caso.

Bonus 200 euro per i lavoratori: chi deve fare domanda e chi deve aspettare settembre

La regola generale per i lavoratori dipendenti, come previsto dall'articolo 31 del decreto legge 50/2022 (il cosiddetto decreto aiuti), è che l'erogazione arriverà "in via automatica" insieme alla retribuzione per il mese di luglio. Sarà anticipata dal datore di lavoro, che potrà poi recuperare il credito maturato nei confronti dello Stato. Potrà farlo dopo aver inviato la "denuncia Uniemens", la dichiarazione da inviare obbligatoriamente ogni mese all'Inps con le informazioni retributive e contributive su ogni dipendente. Sono previsti due requisiti per poter usufruire del bonus. Il lavoratore deve innanzitutto aver beneficiato per almeno un mese - da gennaio ad aprile - dello sconto contributivo allo 0,8% previsto dall'ultima legge di Bilancio per chi ha un reddito mensile che non supera i 2.692 euro. Il secondo requisito è che il potenziale beneficiario del bonus non percepisca né trattamenti pensionistici né il reddito di cittadinanza.

L'articolo 32 del decreto aiuti prevede l'erogazione dei 200 euro anche a favore dei lavoratori domestici che abbiano in essere "uno o più rapporti di lavoro alla data di entrata in vigore" del decreto stesso, quindi dello scorso 18 maggio. Anche per loro l'importo arriverà nel mese di luglio, ma sarà subordinato alla presentazione di una domanda all'Inps rivolgendosi ai patronati.

La platea di beneficiari del bonus si amplia poi con i lavoratori stagionali, a tempo determinato e intermittenti. A questi viene richiesto di aver svolto la prestazione "per almeno 50 giornate" nel 2021 e di avere un reddito annuo che, sempre nel 2021, non ha superato i 35mila euro. I lavoratori stagionali con i requisiti previsti dovranno presentare domanda all'istituto di previdenza per ricevere il bonus, con modalità ancora da definire. Anche i lavoratori iscritto al Fondo pensione lavoratori dello spettacolo potranno ricevere il bonus solo dopo averne fatto richiesta. Come per i lavoratori stagionali, sono previsti alcuni requisiti: i lavoratori dello spettacolo che rientrano nella platea del bonus, non devono aver guadagnato più di 35mila euro nel 2021 e devono aver versato "almeno 50 contributi giornalieri".

I 200 euro verranno invece erogati in automatico ai lavoratori stagionali e dello spettacolo che sono già stati beneficiari dei passati aiuti covid per queste categorie. In tutti questi ultimi casi, l'erogazione del bonus arriverà dopo le denunce dei datori di lavoro all'Inps, quindi dal mese di agosto in poi. In altre parole, tre gruppi di lavoratori (domestici, stagionali e lavoratori dello spettacolo, circa 650mila beneficiari in tutto) riceveranno l'indennità di 200 euro dopo il 31 agosto 2022, quindi a settembre.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il bonus 200 euro per i lavoratori in busta paga: chi deve fare domanda

BresciaToday è in caricamento