Blocco Tir: code per la merce gratis di Coldiretti

Coldiretti: "In due giorni danni in Lombardia per 1 milione di euro"

E' finita prima delle 11 la merce che questa mattina Coldiretti ha deciso di regalare in piazza Lodi a Milano, per spiegare i danni che crea al settore lo sciopero dei tir: un milione di euro in due giorni nella sola Lombardia.

Dalle 8,30 pensionati, ma anche studenti, disoccupati e passanti si sono messi ordinatamente in fila per avere insalata e uova: in tutto 2.500 buste di insalata in busta, 650 confezioni da mezza dozzina di uova 'bruciate' in un paio d'ore.

"Non ci aspettavamo questa fila - ha spiegato il presidente di Coldiretti Lombardia Nino Andena -. Credo che dica qualcosa sul reale potere d'acquisto della gente".

TIR Governo: «Basta Blocchi», Cancellieri: «Pugno di ferro dei prefetti»

La crisi per i produttori agricoli si aggrava adesso con lo sciopero dei tir. "Il caro gasolio lo viviamo anche noi - ha sottolineato Andena -. Ogni categoria ha il diritto alle proprie rivendicazioni ma non sulle spalle delle altre".

Linea Verde, che produce le insalate Dimmidisì - e oggi ha portato a Milano le 2.500 buste di insalata da regalare - ha dovuto chiudere da venerdì scorso lo stabilimento campano di Ponte Cagnano. Giuseppe Battagliola, il presidente del gruppo di Manerbio (Brescia), che in Italia ha cinque stabilimenti più uno in Spagna, spiega che "il danno, stimabile in circa 160 mila euro al giorno".

Al Centro Nord circa il 40% di prodotto non è stato distribuito e da Roma in giù non è stata possibile effettuare alcuna consegna". "Se la situazione non si sblocca - aggiunge - mancherà la materia prima necessaria. Nel rispetto del diritto a scioperare, la libertà di ognuno è legittima finché non lede quella degli altri. E noi siamo pesantemente parte lesa".

A Bergamo dove si concentra il 50% della produzione di buste di insalata il danno è di 350 mila euro al giorno. In città all'ortomercato "manca un po' di prodotto - sottolinea il presidente di Coldiretti Milano Carlo Franciosa -. In vendita c'é quello che era nelle celle".

Blocco Tir, Camusso: "Forconi rischiano di dividere l'Italia"

Più drammatici i fruttivendoli: "all'ortomercato non c'é niente - raccontano al negozio Le mele di via Passeroni -. Mancano i prodotti che arrivano dal sud come cime di rapa o finocchi", alcune merci, come le zucchine sono cresciuti di un euro (circa un terzo del prezzo). Nel punto vendita però la carenza ancora non si sente: avevano fatto scorte lunedì.

"Quello che manca del tutto - dicono - sono le mozzarelle. Gli stabilimenti di quelle di bufala, visto che non riescono a consegnare, hanno bloccato la produzione".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Lombardia zona rossa dal 17 gennaio, le regole: cosa si può fare e cosa no

  • Orrore in famiglia: guarda video porno e fa sesso con la sorellina di 14 anni

  • Cerca di stuprarla nei campi, lei lo morde alla lingua e riesce a scappare

  • Iveco parlerà cinese? Offerta miliardaria per lo storico marchio, Brescia trema

  • Auto travolge sette ciclisti sul Garda: è la squadra di Peter Sagan

  • Provincia di Brescia: morti e contagi di sabato 16 gennaio 2021

Torna su
BresciaToday è in caricamento