Economia

A2A annuncia i risultati preliminari consolidati 2013

Crescita del 6% del Margine Operativo Lordo a oltre 1,1 miliardi di euro. Migliora anche l'Indebitamento Finanziario Netto, che si riduce di 0,5 miliardi di euro (-1 miliardo di euro da Giugno 2012) e raggiunge un livello inferiore a 3,9 miliardi

Si è riunito mercoledì il Consiglio di Gestione di A2A che, sotto la Presidenza di Graziano Tarantini, ha esaminato i risultati consolidati preliminari dell’esercizio 2013.

I “Ricavi” del Gruppo A2A sono stati pari a 5,6 miliardi di euro, in flessione del 13% rispetto ai 6,5 miliardi del 2012 sostanzialmente per effetto della decisione di contrarre l’attività di intermediazione di gas sui mercati all’ingrosso.

Il “Margine Operativo Lordo”, pari a oltre 1,1 miliardi di euro, è in crescita del 6% rispetto all’esercizio precedente. A tale andamento hanno contribuito i positivi risultati della Filiera Cogenerazione e Teleriscaldamento, della Filiera Reti e della Filiera Ambiente. Stabile il risultato della Filiera Energia grazie anche all’ottimo andamento della partecipata EPCG. La dinamica del Margine Operativo Lordo ha complessivamente beneficiato del piano triennale di efficienza operativa.

L’“Indebitamento Finanziario Netto” a fine 2013 è inferiore a 3,9 miliardi di euro, in miglioramento di 0,5 miliardi di euro rispetto al 2012 (4,4 miliardi di euro) a seguito della positiva generazione di cassa attribuibile alla gestione operativa, nonché agli effetti positivi derivanti dalle operazioni straordinarie finalizzate nel corso del 2013 (cessione di cinque piccoli impianti idroelettrici ad acqua fluente e scissione non proporzionale di Edipower), pur in presenza di investimenti per circa 290 milioni di euro e dal pagamento dei dividendi per 81 milioni di euro. Il rapporto di indebitamento (debito netto/Ebitda) si attesta così a 3,4 (4,1 a fine 2012).

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

A2A annuncia i risultati preliminari consolidati 2013

BresciaToday è in caricamento