Mercoledì, 22 Settembre 2021
Economia Coccaglio

L’ombra dei 70 licenziamenti alla Bialetti: "Salvi fino a giugno"

Separati in azienda alla Bialetti Industrie di Coccaglio: mobilità volontaria per 15 lavoratori firmata da Fim e Uilm, rifiutata dalla Fiom. Fino a giugno contratto di solidarietà per 197 lavoratori: l’azienda prevedeva 70 esuberi

Foto d'archivio

Acque agitate alla Bialetti Industrie di Coccaglio, che oggi occupa ancora 217 dipendenti. Ma sarebbero addirittura 70 gli esuberi programmati dall’azienda: motivo per cui già lo scorso anno è scattato l’accordo per un contratto di solidarietà - al 50% - e che coinvolge 197 lavoratori.

Negli ultimi giorni l’azienda ha proposto la mobilità volontaria per 15 lavoratori, nove operai e sei impiegati. L’intesa è stata firmata solo dai sindacati metalmeccanici di Fim e Uilm, ma rigettata invece dalla Fiom.

“Il contratto di solidarietà ha permesso di mantenere inalterato il livello occupazionale, evitando così le gravi ricadute sociali dei licenziamenti – spiega Massimo Capelletti della Fiom di Brescia – Noi eravamo disposti a sottoscrivere un accordo di mobilità ma solo se in grado di accompagnare i lavoratori alla pensione. A queste condizioni non ci stiamo”.


I termini per il contratto di solidarietà scadono il 5 giugno dell’anno prossimo: “Fino ad allora – continua Capelletti – abbiamo comunque la copertura salariale, e non si esclude la possibilità di poterlo rinnovare. Anche nell’ipotesi di una ripresa produttiva”. In primavera si vedrà.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

L’ombra dei 70 licenziamenti alla Bialetti: "Salvi fino a giugno"

BresciaToday è in caricamento