rotate-mobile
Lunedì, 29 Novembre 2021
Economia Manerbio / Via Lombardia, 6

Agfa Manerbio, lavoratori in lotta scrivono alla regina del Belgio

Una lettera collettiva dei lavoratori della Agfa di Manerbio che corrono il rischio di essere licenziati a seguito dell'annuncio di chiusura della proprietà belga e tedesca. Entro fine anno 123 posti di lavoro in meno

Continua la lotta di difesa dei lavoratori della Agfa di Manerbio, stabilimento bresciano della multinazionale a proprietà belga e tedesca che, come annunciato dai vertici poco meno di una settimana fa, verrà probabilmente chiuso entro la fine dell’anno.

Sono almeno 123 i lavoratori che dunque perderanno il posto di lavoro, ancora una volta piegati dalle ferree leggi del profitto. Di fronte alla possibilità di perdere tutto gli operai a rischio licenziamento hanno addirittura scritto una lettera a Paola Ruffo di Calabria, ex regina belga, con la speranza che la monarca decaduta possa ‘spingere’ sui vertici aziendali affinché possano cambiare idea sul progetto di chiusura e dislocazione.

Una mossa davvero disperata e che difficilmente porterà a dei risultati concreti. Ancora una volta la dimostrazione concreta della debolezza di un sindacato nazionale che non può nulla contro scelte decisionali ormai europee, a cui servirebbe la risposta di un vero sindacato continentale.

Fuori dai cancelli della fabbrica intanto, prosegue il presidio permanente dei lavoratori.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Agfa Manerbio, lavoratori in lotta scrivono alla regina del Belgio

BresciaToday è in caricamento