Affitti: i bresciani preferiscono le zone non centrali e poco trafficate

"Il centro storico della città è poco richiesto dai potenziali locatari per la presenza della zona a traffico limitato e la mancanza di parcheggi pubblici non a pagamento"

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di BresciaToday

Chi sceglie di abitare in affitto a Brescia, dove negli ultimi 10 anni le abitazioni sono cresciute del 4,4% per un totale di 88.036, sceglie sempre più le zone residenziali poco trafficate, al di fuori del centro storico, purchè dotate di servizi a portata di mano, come supermercati e mezzi di trasporto. A realizzare uno studio su Brescia è Solo Affitti, il franchising immobiliare leader in Italia nella locazione con 350 agenzie (40 in Spagna), in occasione dell'apertura della sua terza agenzia in città in via Aurelio Saffi.

"Il centro storico della città - afferma Paolo Romano, titolare della nuova agenzia Solo Affitti di Brescia - è poco richiesto dai potenziali locatari per la presenza della zona a traffico limitato e la mancanza di parcheggi pubblici non a pagamento, che spinge chi è in possesso di un'automobile a dover parcheggiarla nelle apposite aree custodite e a pagamento. Di conseguenza le famiglie con bambini si orientano maggiormente verso le zone residenziali esterne alla cerchia centrale dove si possono posteggiare più facilmente le vetture. Abbiamo ricevuto anche parecchie richieste da cittadini stranieri - continua Romano - che preferiscono alloggiare in appartamenti situati nella zona della stazione, come ad esempio via Milano e San Faustino, dove molto spesso posseggono attività commerciali".

"Nell'ultimo anno il mercato delle locazioni a Brescia - conclude Romano - ha subito una flessione del 10% dei canoni d'affitto a causa del delicato momento economico. La tipologia di contratto più utilizzata è quella del libero 4+4, mentre non è per niente diffuso il canone 'concordato' in quanto risulta molto basso e poco conveniente per i proprietari degli immobili. La recente entrata in vigore della nuova tassazione IMU non ha portato a rialzi dei prezzi d'affitto da parte dei locatori, anche se in fase di stipula del contratto questi ultimi sono sempre meno propensi ad abbassare il canone per andare incontro alle necessità dei futuri affittuari".

A Brescia il prezzo d'affitto mensile di un monolocale nelle zone di pregio della città (corso Zanardelli; corso Palestro; X Giornate; corso Magenta; piazza Loggia; piazza Vittoria; piazza Paolo VI; Mazzini; Ronchi; Panoramica; Ambadoro; Costalunga; Colle San Giuseppe; Ronchettini; Bornata; Poggio dei Mandorli; Canale Maddalena; Campiani; Collina Sant'Anna) oscilla dai 450 euro (non arredato) ai 500 (arredato). Il canone dei bilocali arredati non supera i 600 euro (550 non arredati) e quello dei trilocali varia tra i 750 euro (non arredati) e gli 800 euro (arredati). Nelle zone residenziali (Brescia 2; Caionvico; Sant'Eufemia; p.le Garibaldi; Cremona; XX Settembre; f.lli Ugoni; Veneto; Crocifissa di Rosa; Ospedale; Mompiano; Corsica; I Maggio; don Bosco; Leonessa; Venezia; Re Buffone; Boifava; Diaz; Piave; stazione; Abba; Sant'Anna; Urago Mella; Wuhrer) alloggiare in un bilocale non ammobiliato costa sui 500 euro circa al mese (550 se ammobiliato), in un trilocale sui 700 (750 se arredato) e in un quadrilocale sui 750 euro (800 con i mobili). Più contenuti i canoni nelle zone economiche della città (Buffalora; Casazza;Ssan Bartolomeo; San Polo; Villaggio Prealpino; Volta; Carmine; Battaglia; Porta Pile; Bixio; Milano; Industriale; Fiumicello; Foro Boario; Duca degli Abruzzi; Lamarmora Sud; Zizziola; Noce; EIB; Grandi (zona industriale); Iveco; Sant'Eustachio; Oltremella; Violinio; Badia; Folzano; Fornaci; San Zeno) dove l'esborso mensile per l'affitto di un bilocale rimane sui 400-450 euro (a seconda che ci siano anche i mobili), mentre quello di un trilocale si attesta sui 500-550 euro al mese e quello di un quadrilocale sui 550-600 euro.

Con l'entrata in vigore della recente normativa fiscale sui redditi da locazione, la nuova agenzia Solo Affitti di Brescia offre anche un servizio di consulenza per assistere il proprietario nella scelta del tipo di tassazione più conveniente tra quella tradizionale e la "cedolare secca". Quest'ultima, al momento, è pari al 21% per i contratti a canone libero e al 19% per i contratti a canone concordato.

L'agenzia Solo Affitti di Brescia va ad aggiungersi alle 53 presenti in Lombardia: 26 a Milano e provincia (9 nel capoluogo), 9 a Monza, 6 a Varese, 3 ciascuno a Lecco e Brescia, 2 a Como e 1 ciascuno a Bergamo, Cremona e Pavia. L'agenzia di via Aurelio Saffi 15 è aperta dal lunedì al venerdì (9.00-13.00 e 15.00-19.00) e il sabato (9.00-13.00).

 

I più letti
Torna su
BresciaToday è in caricamento