menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Foto d'archivio

Foto d'archivio

Autostrada Brescia-Padova: ora il pedaggio si pagherà agli spagnoli

L'accordo è fatto e finito: gli spagnoli di Abertis alla conquista delle autostrade italiane. Investimento da 600 milioni di euro per la A31 e soprattutto per la Brescia-Padova

Un pezzo d'Italia, e anche di Brescia, finisce in “mano” spagnola. La multinazionale iberica Abertis Infraestructuras continua a far shopping nel Belpaese: la notizie è di poche ore fa, il gruppo con sede a Barcellona ha acquisito la quota di maggioranza di “A4 Holding”, la società che gestisce la Brescia-Padova “Serenissima” e la A31.

L'accordo sarebbe stato raggiunto con la consulenza di Mediobanca, Banca Intesa e Astaldi. L'investimento è di poco meno di 600 milioni di euro, 594 per la precisione: l'operazione non partirà da subito, ma verrà conclusa nel 2023. Intanto un primo “acconto” da circa 5 milioni. Poi ci sarà da aspettare il via libera del Governo italiano, sul prolungamento della A31.

Non è la prima volta: il gruppo Abertis ci aveva già provato nel 2006, incassando il no dell'allora ministro delle Infrastrutture, Antonio Di Pietro. Al Governo c'era Romano Prodi. Con questa “mossa” Abertis raggiunge e supera gli 8500 chilometri di autostrade in gestione.

L'acquisto italiano: A4Holding gestisce 235 km di autostrade in Veneto. La tratta principale è quella che la “A4 Serenissima”, che collega Brescia a Padova in poco meno di 150 km. Si tratta della terza strada a pedaggio per volume di traffico in Italia, con circa 91mila veicoli al giorno.

Il gruppo Abertis, con sede a Barcellona, si occupa di gestione e sfruttamento delle infrastrutture di trasporto e di telecomunicazioni: poco più di un anno fa acquistò le torri di trasmissione di Wind per 700 milioni di euro.

In tutto conta un fatturato di quasi 3 miliardi di euro, un utile netto che sfiora i 650 milioni, oltre 13mila dipendenti in Spagna, Italia, Portogallo, Marocco e Andorra, con concessioni anche in Argentina, Colombia, Cile e Porto Rico.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BresciaToday è in caricamento