menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Rovato, stabilimento Pasta Zara

Rovato, stabilimento Pasta Zara

Azienda in concordato, 500 operai a rischio: 114 sono bresciani

Avviata la procedura di concordato per Pasta Zara, storica azienda fondata nel 1898: acque agitate per circa 500 operai, 114 di questi sono impiegati nello stabilimento di Rovato

Gli oltre 74 milioni di euro di investimenti in cinque anni non hanno portato alla crescita sostanziale che era stata preventivata: a questo si aggiunge il “crollo” degli affidamenti bancari, conseguenza diretta del “crac” delle banche venete, più che dimezzati in due anni (dai 107 milioni del 2016 ai 51 milioni del marzo scorso).

Questi (e tanti altri) sono i motivi che hanno spinto la storica azienda trevigiana Pasta Zara - fondata nel 1898, il quartier generale è da sempre a Riese Pio X - ad avviare una procedura di concordato preventivo (giovedì scorso) di cui sono stati informati anche lavoratori e sindacati.

Dei circa 500 operai impiegati da Pasta Zara nei tre stabilimenti italiani ce ne sono anche 114 che lavorano nel Bresciano, a Rovato: mercoledì è andata in scena l’assemblea con i lavoratori locali, ne è prevista un’altra anche venerdì 18 maggio, a Treviso con la partecipazione dei sindacati confederali (Cgil, Cisl e Uil).

Con il concordato l’azienda cercherà probabilmente di rialzare la testa, ma pare che dalla dirigenza sia già stato annunciato un periodo di “sacrifici”. Come sempre accade nella società del profitto, toccherà agli operai pagare il prezzo della crisi (anche se niente al momento è ancora stato definito). Una sola certezza, spiegano i sindacati: le retribuzioni sono bloccate da aprile.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Cultura

    Giornate FAI di Primavera 15 e 16 maggio 2021

  • Concerti

    Brescia: Omar Pedrini alla Latteria Molloy

  • Attualità

    Brescia vince il premio "Città italiana dei giovani 2021"

Torna su

Canali

BresciaToday è in caricamento