Debiti per oltre 50 milioni di euro: crisi durissima per la Metalli Capra

La Raffineria Metalli Capra di Castelmella alle prese con la crisi più difficile della sua storia: 56 milioni di euro di debiti e quattro istanze di fallimento, si va verso il concordato preventivo

Raffineria Metalli Capra di Castelmella

Due piccoli “giganti” nel panorama dell'acciaio bresciano: i due stabilimenti produttivi, appunto a Castelmella e Montirone, si sviluppano in un'area complessiva di 135mila metri quadrati, di cui ben 50mila coperti. Presto per dire cosa succederà: negli ultimi mesi sarebbe comunque stata avviata una trattativa con alcuni investitori stranieri.

I capitali esteri potrebbero subentrare ai capitali bresciani in crisi, insomma potrebbero essere pronti a rilevare la storica azienda, in pista ormai da più di 70 anni. Sono stati resi noti anche i numeri ufficiali del bilancio relativo al 2016.

La Metalli Capra ha chiuso con un fatturato vicino ai 105 milioni di euro, un margine operativo lordo di 439mila euro e una perdita di “soli” 2 milioni e mezzo di euro. Come una spada di Damocle però ci sono i debiti: in tutto sarebbero quasi 56 milioni, e di questi più di 29 con le banche. Operai e sindacati sono già in allerta.

Potrebbe interessarti

  • Per tutta estate il paese illumina strade e palazzi: sul lago il borgo più romantico d'Italia

  • Fascicolo Sanitario Elettronico: come consultare i referti online

  • Comune di Brescia: sedi CAAF Cgil

  • Le migliori gelaterie di Brescia

I più letti della settimana

  • A tutta velocità, fermato dalla Polizia: a bordo c’è un bimbo che sta male

  • Si sporge dal finestrino, ragazzo cade dal furgone in corsa e muore sul colpo

  • In arrivo un'ondata di caldo record: quando è previsto il picco

  • Tenta il suicidio nel ristorante dove lavora, gravissimo giovane cameriere

  • Addio al celibato degenera nell’alcol: pene gigante contro i passanti

  • Tragica morte di ‘Ale’, la svolta: operaio indagato per omicidio colposo

Torna su
BresciaToday è in caricamento