rotate-mobile
Domenica, 22 Maggio 2022
Economia Salò

Lavorare in vacanza: 35 nuovi posti di lavoro in campeggi e ristoranti

Il gruppo gardesano Baia Silvella lancia la sfida per il 2018: non solo un mini-bond da 10 milioni di euro ma un piano di assunzioni di almeno 35 nuovi addetti

In pista ormai da più di 40 anni: l'avventura di Baia Silvella è cominciata nel 1977 da San Felice del Benaco, dal campeggio La Guardiola, oggi il gruppo gestisce una decina di strutture ricettive in tutta Italia e rilancia con ottimismo la sfida per il 2018 non solo con l'emissione di un mini-bond da 10 milioni di euro, ma con un piano di assunzioni che nel corso dell'anno porterà a una quarantina di nuovi addetti.

Un gruppo in salute, oggi come ieri gestito dalla famiglia Vezzola: il quartier generale è da sempre a Salò, il portfolio dell'offerta ricettiva spazia in lungo e in largo dal Garda alla Sardegna, da Roma alla Croazia, con sei strutture di categoria “camping village”, un camping-park, due centri vacanze, residence e appartamenti, un hotel inaugurato proprio quest'anno a Cavallino Treporti, tra Jesolo e il lido di Venezia.

Per il 2018 sono previsti investimenti sostanziali a San Felice, dove il camping village La Gardiola diventerà Piccola Gardiola, i nuovi parchi acquatici nelle strutture La Tortuga e al Laguna Blu (entrambi in Sardegna), la nuova area ristorazione sempre per La Tortuga, bagni ecologici a Capo d'Orso, l'inaugurazione del settore “village” al camping-park di Roma.

Qualche numero: il gruppo Baia Silvella ha chiuso l'annualità 2017 con un fatturato di oltre 30 milioni di euro, e un margine operativo lordo (Ebitda) di 13 milioni. Tra uffici e strutture si contano più di 400 dipendenti: nell'anno in corso sono già state annunciate almeno 35 nuove assunzioni.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Lavorare in vacanza: 35 nuovi posti di lavoro in campeggi e ristoranti

BresciaToday è in caricamento