Giovedì, 28 Ottobre 2021
Dalla Rete

Social network e legalità: cinque regole da non dimenticare mai

Cinque consigli su come usare i social network senza incappare in problemi legali

Nota- Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di BresciaToday

1) Tutte le attività effettuate tramite internet e quindi anche attraverso i social network, anche se possono essere rimosse dall'utente, rimangono registrate sul server da un minimo di tre mesi ad un massimo di 2 anni, a seconda della disciplina normativa dello Stato di origine. Gli autori sono in linea di massima sempre rintracciabili da parte degli organi di controllo come la Polizia Postale, Guardia di Finanza e Carabinieri.

2) Quando condividi pensieri, emozioni ed opinioni, evita espressioni lesive e denigratorie in quanto potresti commettere il reato di diffamazione punito dall'art. 595 c.p. con pene nella forma aggravata, fino a tre anni di reclusione e relativo diritto al risarcimento nei confronti della parte lesa.

3) Se non intendi comunicare la tua vera identità usa nomi di fantasia, ma non utilizzare nomi altrui, perché creare un account falso di posta elettronica, tessere relazioni informatiche con altri utenti, spacciandosi per persona diversa, integra il reato di sostituzione di persona di cui all'art. 494 c.p. che prevede la reclusione sino ad un anno.

4) Le condotte persecutorie, mediante l'invio di foto, immagini, video provocatori, allusivi o sessualmente espliciti ad una determinata persona, possono configurare il gravissimo reato di stalking punito con la reclusione fino a cinque anni.

5) Vigila sui tuoi figli perché non siano vittime di cyber bullismo oppure non perpetrino tale condotta nei confronti di altri coetanei. Il cyber bullismo consiste in atti di bullismo e molestie tramite la rete e può integrare gli estremi di una pluralità di reati che vanno dall'ingiuria alla diffamazione, dalla minaccia alla modestia. La polizia Postale è molto, molto attenta nel contrastare tutte queste attività online.

Avv. Cristiano Cominotto

Avv. Raffaele Moretti

www.assistenzalegalepremium.it

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Social network e legalità: cinque regole da non dimenticare mai

BresciaToday è in caricamento