Attenzione! Brescia invasa da un'orda di quasi 250 zombie

La città in preda al panico? No è la prima Zombie Walk a Brescia, organizzata da The Real Gamers per il prossimo 24 settembre e liberamente ispirata a Resident Evil. Abbiamo incontrato David Materozzi

Foto © Adaman

Milano, Genova, Torino, Verona.. Il prossimo 24 settembre anche Brescia sarà letteralmente invasa da un’orda di zombie (al momento si parla di 250 persone) per la prima Zombie Walk tutta bresciana, lungo le vie della città con arrivo finale in Piazza Loggia. Il percorso è già stato stabilito: ritrovo alle 14, per permettere a tutti i partecipanti di prepararsi e truccarsi adeguatamente, partenza alle ore 18 dal Parco Gallo di Via Cefalonia e poi via lungo il Cavalcavia Kennedy, via XX Settembre, Corso Martiri della Libertà, Corso Zanardelli e Piazza Loggia. Il tutto liberamente ispirato all’ormai storico Resident Evil, con gli impavidi agenti dell’Umbrella Inc pronti a combattere l’orda di non morti.

Organizzato da The Real Gamers in collaborazione con l’associazione La Torre d’Avorio, la Zombie Walk bresciana sicuramente farà parlare di sé. “Questa è la prima e non vorremmo fosse l’ultima – racconta a BresciaToday David Materozzi, primo organizzatore – e abbiamo deciso di stilare alcune regole fondamentali come non sporcare oggetti, persone o macchine, non bere alcolici, non rispondere alle provocazioni.. in fondo siamo zombie, non bestie!”. Al trucco dovrebbero provvedere gli stessi zombie, ma il ritrovo è stato anticipato proprio per permettere un trucco di base a quelli che dovrebbero esserne sprovvisti.

Curiosa la composizione del sangue finto: se difficilmente verrà utilizzato un sangue composto da coloranti da colorificio (ancora da testare) gli zombie bresciani saranno ricoperti da un sangue invece commestibile, fatto con coloranti alimentari, farina, acqua, succo di amarena, nesquik e perfino miele. La Zombie Walk non è solo un momento di aggregazione, è anche qualcosa di più: “La prima Zombie Walk nasce negli Usa in maniera un po’ improvvisata, la produzione di un film ha semplicemente radunato alcune persone comuni per promuovere la premiere della pellicola in questione. Ma la cosa è piaciuta molto, e il fenomeno si è diffuso in tutto il mondo, Italia compresa”.

“In Italia però – continua David – il fenomeno ha assunto anche un significato diverso, prendendo piedi in città che potremmo definire morte, come Torino, Genova, Padova e Verona. Città dove i giovani si lamentano della poca vita notturna e delle limitate attività comunali dedicate: Brescia è una di queste, una città molto vecchia dove è davvero difficile proporre cose nuove che attirano la gente”. La Zombie Walk è solo la prima di una serie di iniziative che fanno capo a The Real Gamers, trasmissione televisiva prima e su web tv poi, interamente dedicata al mondo ludico e ricreativo, dal soft air ai giochi di ruolo, dai giochi di carte al cosplay.

L’obiettivo non lontano è quello di realizzare un centro aggregativo prima virtuale (con un sito web) e poi reale, che possa riunire e coordinare tutte queste realtà: “In Italia non esiste ancora un impianto di questo genere, ci sono solo delle nicchie. Noi vorremmo unire tutte queste attività, giochi intelligenti che possono farti scoprire altre passioni, o valorizzare quelle che tu hai già. The Real Gamers si porrà come punto di ritrovo di tutti questi mondi, con mappe degli eventi, contatti delle associazioni, suggerimenti.. perché sono fenomeni in continua crescita, e noi ci faremo trovare pronti”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Manifestazione Io Apro: il 15 gennaio ristoranti aperti contro la nuova stretta

  • Ragazzino in ospedale col femore rotto: «È stato il padre di un mio coetaneo»

  • Cerca di stuprarla nei campi, lei lo morde alla lingua e riesce a scappare

  • Orrore in famiglia: guarda video porno e fa sesso con la sorellina di 14 anni

  • Iveco parlerà cinese? Offerta miliardaria per lo storico marchio, Brescia trema

  • Una tragedia immensa: il piccolo Alberto ucciso da un tumore a soli 5 anni

Torna su
BresciaToday è in caricamento