Giovedì, 29 Luglio 2021
Cronaca

Lago di Garda: Sofia, la prima italiana incinta col virus Zika

La gravidanza in Brasile, il contagio e la terribile scoperta a poche settimane dal parto. Per Pietro, il piccolo mai nato, non c'è stato nulla da fare: è nato morto

Una zanzara (immagine wikipedia)

«Sarebbe dovuto nascere il giorno dell'Immacolata, a Verona. Non ne ha avuto il tempo: Zika è stato più veloce». È la storia di Sofia, 26 anni, la prima vittima italiana del virus che terrorizza il Centro America. La tragedia è stata riportata sulle pagine di Repubblica.

Sofia fino a pochi mesi fa viveva in Brasile. Aveva lasciato l’Italia nel 2012 per studiare biologia all’università. In Sud America aveva trovato un compagno di vita e a marzo del 2015 era rimasta incinta. Poi una mattina di giugno si è svegliata con dolori e febbre altissima. «La mia ginecologa di Natal. Al telefono mi ha detto: "Stai tranquilla, dovrebbe essere il nuovo virus, si chiama Zika". Non avevo mai sentito quel nome in vita mia. Ma lei mi ha rassicurato: "Passa nel giro di qualche giorno, non devi fare nulla". Mi sono fidata».

Quando è rientrata in Italia per partorire la terribile scoperta: il feto non cresceva. Poi a settembre i medici si sono accorti che il cervello del piccolo era pieno di cisti. Il bimbo non avrebbe potuto vedere, sentire e nemmeno parlare. 

«Sono stata indotta al parto il 15 ottobre, il suo cuore non batteva più. Ho solo queste impronte del piede e della mano che mi ricordano mio figlio. I suoi tessuti li ho donati ricerca: un mese più tardi mi hanno mandato risultati dell'autopsia. Nel suo cervello hanno trovato, per la prima volta in Europa, il virus Zika».

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Lago di Garda: Sofia, la prima italiana incinta col virus Zika

BresciaToday è in caricamento