rotate-mobile
Cronaca Travagliato

La sua fidanzata l'ha sfigurato con l'acido: "Questo è il mio calvario"

William Pezzulo racconta quello che ha subito negli ultimi anni: lo stalking, l'aggressione, le 45 operazioni per ricostruire il volto distrutto dall'acido.

"Sono il primo uomo in Italia e essere stato sfregiato con l'acido da una donna": così si presenta William Pezzulo al pubblico di YouTube. Nei giorni scorsi il 36enne di Travagliato - sfigurato nel settembre del 2012 dall'ex fidanzata Elena Perotti e da un complice - è infatti approdato sulla piattaforma web, aprendo il canale "Willi-2.0" per raccontare il suo calvario.

"Ho deciso di aprire questo canale per raccontare la mia storia: sono stato sfregiato con l’acido da una donna che non ha accettato di essere lasciata nonostante fossi a conoscenza di tutti i suoi tradimenti. Donna che prima mi ha stalkerizzato per otto mesi, causando danni sia a me, sia alla mia famiglia."

Le battaglie per lui non sono mai finite: dal 2012 ad oggi ha infatti dovuto subire ben 45 interventi chirurgici per ricostruire il volto. "La mia ex è stata condannata a otto anni, ma ha trascorso solo tre mesi in carcere, poi è andata in comunità e infine ai domiciliari. Avrei dovuto ricevere 1 milione e 280mila euro di risarcimento: non ho visto un centesimo di quei soldi. Infatti negli anni ho dovuto aprire delle raccolte fondi per potermi curare e sottopormi agli interventi che non passava il sistema sanitario nazionale".

E non è ancora finita: "Per cercare di tornare almeno vicino a come ero prima dovrò sottopormi ad altri interventi chirurgici ed estetici per recuperare l'autostima persa nel tempo  - spiega ancora nel video - . Lo potrò fare grazie a Jessica Notaro, che ha messo a disposizione dei fondi, e anche all'associazione Doppia Difesa di Michelle Hunziker, che mi ha sostenuto."

Il primo appuntamento è per il prossimo 20 aprile, quando il 36enne di Travagliato sarà visitato dal professor Pietro Lorenzetti per capire se potrà sottoporsi a un trapianto di barba. Un intervento che gli consentirebbe di nascondere le grosse cicatrici che ha sulle guance. "Avrei dovuto fare il trapianto tre anni fa, ma poi per motivi finanziari non ero riuscito ad affrontare l'operazione: ora spero di riuscirci e di mostrarvi tutti gli interventi che farò, magari posso essere d'aiuto a qualcuno."

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La sua fidanzata l'ha sfigurato con l'acido: "Questo è il mio calvario"

BresciaToday è in caricamento