Giovedì, 5 Agosto 2021
Cronaca

Morto da giorni in casa: tragedia della solitudine a Vobarno

Il corpo senza vita di Daniele Cadenelli, ex artigiano di 65 anni, trovato sulle colline di Vobarno da un vecchio amico. Probabilmente ucciso da un malore, il cadavere è rimasto in casa per giorni

Lo hanno trovato senza vita nella baita isolata in cui viveva da tempo, a metà strada tra Teglie e Carpeneda, in territorio di Vobarno. Per raggiungere quella casa di collina bisogna percorrere una strada non asfaltata, e che in pochi conoscono: di lui si avevano poche notizie, in paese non si faceva quasi mai vedere. Il suo cadavere era in avanzato stato di decomposizione, forse morto da giorno.

Il corpo senza vita trovato da un amico è quello di Daniele Cadenelli, artigiano di 65 anni ormai in pensione, e che da tempo abitava in quella baita, in cima alla salita. Una vita solitaria, tra galline e conigli, un piccolo orto, poche moderne comodità.

Era separato, oltre alla moglie lascia una figlia: entrambe abitano ancora a Vobarno. Non è ancora stata fissata la data del funerale, in attesa del nulla osta della magistratura. In zona è atterrata pure l’eliambulanza, ma è stato inutile: Cadenelli era già morto. Per i rilievi anche due pattuglie dei Carabinieri.

Esclusa a priori l’ipotesi della morte violenta, pare si sia trattato di un malore. Lo hanno trovato nel letto: probabile che sia addirittura morto nel sonno. 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Morto da giorni in casa: tragedia della solitudine a Vobarno

BresciaToday è in caricamento