Ubriaco fradicio rompe un vaso in testa al fratello, poi cerca di accoltellarlo

Violenta lite familiare, a quanto pare l'ennesima in una casa di Vobarno: in manette un uomo di 50 anni, che avrebbe aggredito il fratello minore

Foto d'archivio

Una violetta lite in famiglia, l'ennesima in quella casa di Vobarno, ha rischiato di finire in tragedia. Tutto è accaduto nella notte del 9 maggio a Vobarno, protagonisti due fratelli. Ad avere la peggio il più piccolo dei due, affetto da problemi psichici: come già successo in passato è stato aggredito dal fratello maggiore, un 50enne, per futili motivi.

A scatenare la lite, questa volta, un banale incidente domestico: il fratello minore sarebbe 'colpevole' di aver fatto cadere la madre che stava aiutando ad alzarsi dal letto. Il più grande dei due, pare ubriaco fradicio, avrebbe a quel punto perso le staffe: prima avrebbe insultato pesantemente il fratello, poi lo avrebbe colpito in testa con un vaso.

A quel punto il giovane sarebbe scappato in strada, mentre l'altro lo inseguiva brandendo un coltello e un paio di forbici trinciapollo che gli avrebbe poi lanciato addosso. Ad evitare il peggio l'intervento dei vicini, che hanno allertato il 112: per il 50enne sono nuovamente scattate le manette - nel settembre del 2017 aveva accoltellato il fratello ed era stato condannato ad un anno e mezzo di reclusione -  e si sono aperte le porte del carcere. 
 

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Cronaca

    La disperazione per la morte di Leonardo: "Eri un ragazzo speciale"

  • Cronaca

    Cocaina tra i giochi della figlioletta: bresciano in manette

  • Cronaca

    Mille Miglia: Moceri-Bonetti i vincitori, festa finale sotto la pioggia

  • WeekEnd

    Cosa fare a Brescia dal 17 al 19 maggio: i migliori eventi del weekend

I più letti della settimana

  • Ragazzina scomparsa, la tragica scoperta: si è suicidata a soli 17 anni

  • Il falso mito dell'acqua e limone da bere (calda) la mattina

  • Maxi-sequestro da 130mila metri quadri: rifiuti tossici, falda contaminata

  • Uccisa da un malore mentre sta pulendo casa: addio a Silvia

  • "Adesso mi ammazzo!": torna a casa ubriaco, si accoltella davanti ai genitori

  • Auto sbanda in curva, poi la tragedia: chi era la vittima

Torna su
BresciaToday è in caricamento