Decalogo del buon operaio: «14 ore al giorno, vietato scioperare e lamentarsi»

Il "decalogo" è stato trovato appeso in un laboratorio clandestino cinese a Vobarno dai Cc di Brescia, dove lavoravano per oltre 14 ore al giorno, 3 euro all'ora, 15 cinesi. I capi prodotti erano destinati ad un'azienda italiana

Un laboratorio tessile clandestino é stato sequestrato a Vobarno dalla polizia di Brescia. I gestori, marito e moglie cinesi di 40 e 35 anni, sono stati arrestati; i tre figli minorenni affidati ai servizi sociali.

Nel loro laboratorio, in pessime condizioni igienico sanitarie e nella violazione delle più elementari norme di sicurezza, lavoravano per oltre 14 ore al giorno 15 cinesi, subendo maltrattamenti fisici e psicologici. A una parete era appeso il "decalogo del buon operaio": tra le regole da rispettare, il divieto assoluto di scioperare, il divieto di lamentarsi e l'obbligo di lavorare per almeno 14 ore al giorno per 3 euro all'ora. I capi prodotti erano destinati ad un'azienda italiana, oggetto di ulteriori indagini da parte della Squadra mobile bresciana.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Manifestazione Io Apro: il 15 gennaio ristoranti aperti contro la nuova stretta

  • Ragazzino in ospedale col femore rotto: «È stato il padre di un mio coetaneo»

  • Cerca di stuprarla nei campi, lei lo morde alla lingua e riesce a scappare

  • Orrore in famiglia: guarda video porno e fa sesso con la sorellina di 14 anni

  • Iveco parlerà cinese? Offerta miliardaria per lo storico marchio, Brescia trema

  • Una tragedia immensa: il piccolo Alberto ucciso da un tumore a soli 5 anni

Torna su
BresciaToday è in caricamento