rotate-mobile
Cronaca Vobarno / Piazza Martiri della Libertà

Bimbo sta per annegare, ragazzo si tuffa e lo salva: "Era già sul fondo"

Eroico salvataggio a Vobarno

Si è davvero sfiorata la tragedia nel pomeriggio di oggi (lunedì 10 luglio) a Vobarno: un bimbo di 5 anni è scivolato nel fiume Chiese sotto gli occhi della madre e del fratello gemello. Tutto è successo in pochi attimi, intorno alle 14. A salvare il piccolo, prima che fosse troppo tardi, ci ha pensato un 24enne: proprio in quegli istanti si trovava sulla terrazza di un'abitazione che si affaccia sul corso d'acqua.

L'allarme lanciato dal cane

Il giovane eroe si chiama Santiago Peredo e arriva dall'Argentina: ad attirare la sua attenzione sono stati i disperati ululati di Pancho, il cane corso del fratello e della cognata di cui si stava prendendo cura.

"Mentre davo da mangiare a Pancho ho notato due bimbi che giocavano nel parcheggio che si affaccia sul fiume (a separare il corso d'acqua dalla piazzola c'è una semplice sbarra di ferro facilmente aggirabile n.d.r.), e ho pensato che rischiavano di cadere in acqua - ci racconta il 24enne -. Pochi istanti dopo Pancho ha cominciato ad abbaiare e guaire disperatamente: mi sono voltato e ho visto che uno dei due bimbi era scivolato in acqua".

L'eroico salvataggio

Santiago non ha perso tempo: è sceso di corsa dalle scale, altrettanto rapidamente ha attraversato il ponte e si è tuffato nel Chiese, che in quel punto non raggiunge, per fortuna, il metro e cinquanta di altezza: "Quando sono entrato il piccolo era già sul fondo e non si muoveva più: l'acqua era bassa e limpida e riuscivo a vederlo, così mi sono immerso per prenderlo prima che la corrente lo trascinasse via. L'ho portato in superficie, poi l'ho preso in braccio e l'ho scosso: dopo pochi istanti ha cominciato a tossire e ad espellere l'acqua. Ma a quel punto, io non avevo più la forza di tornare a riva e scavalcare il muretto con lui tra le braccia".

L'intervento dei vigili del fuoco

Scattata, nel frattempo, la chiamata al numero unico per le emergenze, sul posto sono sopraggiunti i vigili del fuoco e i carabinieri di Salò, un'ambulanza e l'elisoccorso. Santiago ha affidato il piccolo alle mani sicure ed esperte dei pompieri. Il bimbo sta bene: oltre a un comprensibile ed enorme spavento non avrebbe subito gravi conseguenze. Come da prassi, è stato accompagnato in pronto soccorso per gli accertamenti del caso, insieme alla madre che ha accusato un lieve malore a causa del forte shock.

"Anche io sono ancora sconvolto e provato: ho agito d'istinto e ho ancora parecchia adrenalina in corpo", esclama Santiago a poche ore dall'eroico salvataggio di un bimbo di 5 anni. Un pomeriggio, che avrebbe dovuto essere di vacanza, destinato a restare impresso per sempre nella memoria  del 24enne e non solo. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Bimbo sta per annegare, ragazzo si tuffa e lo salva: "Era già sul fondo"

BresciaToday è in caricamento