Cronaca

Vobarno: follia in casa, figlio aggredisce il padre con una katana

Denunciato un uomo di 38 anni di Vobarno, residente in casa con il padre: in preda ad un raptus di follia lo aggredisce brandendo una spada katana di oltre un metro. Fermato appena in tempo dai Carabinieri

In preda ad un incontrollato raptus di follia ha aggredito il padre con una katana, minacciandolo prima di morte e poi colpendolo al volto e alle braccia. Gli attimi concitati di una serata purtroppo indimenticabile. Interrotta, appena in tempo, dall’intervento dei Carabinieri della stazione di Vobarno.

Tutto è partito dalla segnalazione di alcuni residenti, in un quartiere alla periferia del paese valsabbina. Grida, urla e minaccia: una colluttazione che si preannuncia seria, il necessario intervento dei militari. Da una parte M.R., bresciano classe 1976 attualmente disoccupato, pluripregiudicato con diversi reati alle spalle.

Dall’altra il padre, con cui ancora conviveva, un operaio incensurato. Dalle parole ai fatti, e le minacce che si fanno concrete quando il 38enne prende in mano la sua katana, spada giapponese con lama da oltre un metro. Fermato, giusto in tempo, e denunciato per minaccia aggravata, danneggiamento e percosse.

Oltre che per porto abusivo e omessa denuncia di armi: in casa nascondeva in tutto tre katane, con lame da 105 centimetri, e un’altra arma bianca non denunciata, un coltello a serramanico di circa 12 centimetri.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Vobarno: follia in casa, figlio aggredisce il padre con una katana

BresciaToday è in caricamento