"Capre, sono ancora qui! Ma un'altra mezzora e sarei morto"

Vittorio Sgarbi tranquillizza i fan dalla sua pagina Facebook, pubblicando un video in 'diretta' dall'ospedale di Modena. “Fosse passata un'altra mezzora sarei morto”, racconta

“Ho sentito un dolore fortissimo, pensavo mi passasse”. Vittorio Sgarbi la racconta così la sua disavventura, sdraiato su di un letto di ospedale e ancora in parte 'intubato'. Ricoverato al Policlinico di Modena: “Se non mi fossi fermato in tempo in mezzora sarei morto. Ho avuto la giusta intuizione”.

Era in automobile, guidata dal suo autista. Stava viaggiando in notturna in direzione Roma, dopo la serata benefica in scena al Teatro Grande di Brescia. “Ero vicino alla morte, ma non ne ho avuto la consapevolezza”, racconta ancora Sgarbi. “Si sarebbe interrotto il flusso di sangue alla coronaria: non fermandomi, sarei morto”.

E' entrato in ospedale che erano quasi le 4 del mattino: Sgarbi ha avuto un'ischemia del cuore, risolta grazie ad un repentino intervento di angioplastica. Rimarrà ricoverato per accertamenti ancora qualche giorno. “Non sarebbe stato da Sgarbi andarsene all'altro mondo al casello di Modena Sud – si legge sulla sua pagina Facebook – Capre, sono ancora qui”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Economia bresciana in lutto: è morto l'imprenditore Giuliano Gnutti

  • Coronavirus in provincia di Brescia: morti e contagi Comune per Comune | 1 aprile 2020

  • Arresto cardiaco, muore nella sua auto: era in malattia e aveva la febbre

  • Una famiglia distrutta dal Coronavirus: in poche ore morte tre sorelle

  • Coronavirus in provincia di Brescia: morti e contagi Comune per Comune | 29 marzo 2020

  • Coronavirus in provincia di Brescia: morti e contagi Comune per Comune | 2 aprile 2020

Torna su
BresciaToday è in caricamento