Tanfo nell'aria, costretti a vivere chiusi in casa: "Colpa del depuratore"

Polemiche infinite a Visano e Calvisano, anche se il depuratore per il momento è spento. Cominciata da pochi giorni una campagna 'collettiva' di monitoraggio di aria e acqua

Una strage di pesci e di gamberi di fiume nelle acque del Palpice, il 'rio' che scorre tra Visano e Calvisano. Una strage su cui sta ancora indagando la Polizia Provinciale, ma che tra le righe annuncia che “forse si comincia ad intravedere una delle possibili concause”. Ma se per qualcuno è ipotesi per qualcun altro è certezza: la colpa è del depuratore.

Lo ripetono da mesi gli attivisti del comitato 'Visano Respira', quelli che a maggio erano riusciti a portare in piazza più di 2000 persone, forse trascinati dall'onda Macogna – la contestatissima discarica di Travagliato – ma comunque portavoce di un malessere diffuso, e in tutto il paese.

La polemica infatti negli anni si è fatta costante. Il depuratore di Visano e il suo malfunzionamento, i miasmi e gli odori che 'ricoprono' le strade e le vie, i residenti costretti a vivere con le finestre chiuse, che sia estate o che sia inverno. Poi moria della fauna ittica, pesci e gamberi da fiume, e l'ultima 'strage' solo pochi giorni fa.

Il 31 maggio scorso intanto i Comuni di Calvisano e Visano hanno avviato una campagna – coinvolgendo anche cittadini e volontari – di monitoraggio degli odori e delle emissioni, per preparare poi un 'pacchetto' da inviare direttamente all'Asl, all'Arpa e alla provincia. Perché intanto il depuratore non funziona, è 'spento'.

Ma il monito arriva proprio dal comitato Visano Respira: “Per ora l'impianto non sta più funzionando. Ma tra sei mesi ripartirà a pieno regime, e allora sarà troppo tardi per lamentarsi”. Sei mesi esatti, proprio la durata del monitoraggio.

Sono giornate di lavoro creativo, per il comitato. Sabato notte infatti sono stati strappati e buttati gli striscioni che 'raccontavano' della protesta, gli attivisti proprio in queste ore ne stanno realizzando degli altri. “Dopo gli spiacevoli eventi di sabato – si legge in un post su Facebook – dobbiamo essere più uniti che mai, e dimostrare che noi teniamo alla nostra salute e non ai loro profitti”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Niente norme anti-Covid, cuoco e pizzaiolo senza protezioni: chiuso ristorante

  • Si butta dalla finestra di casa, suicidio shock scuote il quartiere

  • Follia al bar: padre e figlio scatenano una rissa, devastano il locale e aggrediscono la barista

  • Stroncato da una malattia a soli 54 anni, morto noto bassista bresciano

  • Si tuffa e non riemerge, salvato dalla fidanzata: la sua vita è appesa a un filo

  • Coronavirus, allarme contagi di ritorno: 7 ragazze positive dopo una vacanza

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
BresciaToday è in caricamento