Dal cielo piove carbonato di calcio: "Non ne possiamo più"

I residenti della frazione di Virle – ma pure i sindaci di Rezzato e Mazzano – in polemica con Italcementi dopo la pioggia di polvere bianca che ha sommerso le auto nella notte di martedì

Fonte: Facebook/Sei di VIRLE se...

Un’indefinita quantità di polvere bianca depositata sulle auto: e non è un riferimento a qualsivoglia operazione di polizia, quanto piuttosto l’amara sorpresa che alcuni residenti della frazione di Virle, territorio di Rezzato, si sono ritrovati al risveglio, mercoledì mattina. Una notizia che si è fatta subito virale, rimbalzando sui social network, e che ha trovato in tempi brevi risposta istituzionale.

La pioggia di polvere arriverebbe dritta dalla vicina Italcementi. Il Comune di Rezzato è subito intervenuto contattando l’Arpa, che a sua volta ha immediatamente prelevato alcuni campioni. Dalle prime indiscrezioni sulle analisi, si tratterebbe di carbonato di calcio: noto derivato della lavorazione delle rocce, e considerato non pericoloso.

Polvere nell'aria, la risposta di Italcementi:
"Si tratta di calcare e argilla"

Ma comunque un fastidio non da poco: ancora su Facebook a Virle si legge di “auto imbiancate”, e ritorna alla memoria un altro episodio, avvenuto circa un mese fa. Quando sulle macchine a depositarsi era stato una polvere quella volta nerissima, causata dalla rottura di alcune maniche del filtro di depolverazione, tra l’altro nell’impianto più recente. E allora il commento social cambia parecchio: “Non ne possiamo più”. "Adesso si sta esagerando - si legge ancora su Facebook - Adesso vorremmo sapere cosa respiriamo".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

L’ultima ‘fumata’ risalirebbe invece alle 22 di martedì: il problema avrebbe coinvolto un silos che conteneva del calcare, provocando poi la fuoriuscita del sale di calcio dell’acido carbonico, appunto la polvere di carbonato di calcio. Indignazione virale e non solo: pare non sia mancata nemmeno la ‘sbuffata’ infastidita dei sindaci dei due Comuni che confinano con l’Italcementi, Mazzano e Rezzato.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: primo bambino positivo in una scuola bresciana, classe in isolamento

  • Masturbava ragazzini al parco, in cambio gli comprava scarpe e spinelli

  • Incidente in A4 tra Desenzano e Brescia: chilometri di code

  • Precipita per oltre 8 metri: muore sotto gli occhi dei nipotini di 6 e 8 anni

  • Apre nuovo supermercato: maxi-store da 3.800 mq aperto tutti i giorni

  • Tragedia sui cieli della Lombardia: aereo precipita e prende fuoco, due morti

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
BresciaToday è in caricamento