Cronaca

Sulla ciclabile è allarme "pianta killer": brucia la pelle e può rendere ciechi

L'allarme è lanciato lungo la ciclabile di Vione, in Valcamonica: è stato individuato un boschetto di Pànace di Mantegazzi, nota anche come “pianta killer” per gli effetti dannosi sulla salute

Pànace di Mantegazzi

Lo sgradito ritorno della Pànace di Mantegazzi, nota anche come Pànace gigante (nome scientifico Heracleum mantegazzianum): a Vione è di nuovo emergenza, con tanto di ordinanza firmata dal sindaco Mauro Testini che non solo ha fatto delimitare l'area dove la pianta si è nuovamente sviluppata, ma ne vieta l'avvicinamento per gli elevati rischi alla salute anche umana.

Lo scrive Bresciaoggi: in gergo la Pànace gigante è chiamata anche “pianta killer” per le sue infiorescenze velenose, in grado di provocare danni anche permanenti alla pelle e agli occhi. Nel dettaglio, si tratta di una pianta erbacea di grande dimensioni, che può raggiungere perfino i 5 metri di altezza.

Si diffonde rapidamente, ed è pericolosa anche dal punto di vista della biodiversità perché “uccide” la vegetazione indigena. E' da tempo considerata una “specie aliena invasiva”, che crea un sacco di problemi: solo in Germania, ad esempio, vengono spesi quasi 50 milioni di euro l'anno per la sua eradicazione.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Sulla ciclabile è allarme "pianta killer": brucia la pelle e può rendere ciechi

BresciaToday è in caricamento