Mercoledì, 27 Ottobre 2021
Cronaca

Nonno orco violenta la nipote adolescente: "L'ha attirata a sé con regali e attenzioni"

L’anziano, un 76enne del Sebino, avrebbe costretto la nipote, affetta da problemi psichici, ad avere rapporti con lui.

Avrebbe carpito la sua fiducia con regali e ricerche telefoniche gratis e, sfruttando il deficit intellettivo della nipote, l’avrebbe obbligata ad avere rapporti sessuali con lui. Queste le motivazioni che hanno portato i giudici della Corte d’appello di Brescia a confermate la condanna a 5 anni di reclusione - per violenza sessuale - inflitta a un 76enne bresciano. "Con blandizie e attenzioni ha sfruttato il deficit intellettivo della vittima a fini di concupiscenza sessuale" hanno scritto i giudici nelle 21 pagine che motivano la decisione.

Le violenze risalgano a diversi anni fa. Tra il dicembre 2013 e maggio 2014, l’anziano - di casa sul Sebino - avrebbe costretto la nipote, allora 17enne, a fare sesso con lui. Secondo i giudici, l’uomo non poteva non essere a conoscenza del deficit della 17enne e della sua tendenza ad assecondare le richieste dei suoi interlocutori.

Ha strumentalizzato la disabilità della nipote per fare sesso

"L'uomo  per grado di parentela e abituale frequentazione, non può non essersi reso conto di quarto la giovane, in ragione del suo deficit intellettivo fosse facilmente suggestionabile e tendesse ad assecondare il suo interlocutore. Si riscontra un consapevole abuso delle condizioni di inferiorità psichica della minore, consistente nel doloso sfruttamento della menomazione della vittima le cui condizioni sono state strumentalizzate per accedere alla sfera intima e sessuale della vittima", si legge ancora nelle nelle motivazioni della sentenza.

Ricariche telefoniche per conquistare la sua fiducia

Prima di approfittarsi della nipote avrebbe inoltre cercato di ottenerne la fiducia e la simpatia - onde evitare che la ragazzina lo rifiutasse -  regalandole ricariche del telefono. "Le regalie (alcune ricariche telefoniche) e le attenzioni rivolte dall'uomo alla giovane sono state il modo per accattivarsi le simpatie e la riconoscenza della giovane, così da agevolare il superamento di possibili resistenze"

L’anziano si è sempre difeso negando le accuse. “Sono vittima delle bugie della ragazza” , avrebbe sempre sostenuto il 76enne: spiegazioni che anche in secondo grado non hanno affatto convinto i giudici. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Nonno orco violenta la nipote adolescente: "L'ha attirata a sé con regali e attenzioni"

BresciaToday è in caricamento