Quando l'orco è in casa: botte e minacce, violenta la figlia per tre anni

Botte a minacce a mamma e fratelli, violenza sessuale sulla figliastra per tre anni: arrestato un 43enne bresciano, disoccupato e con qualche problema di droga. La ragazzina aveva solo 14 anni

Maltrattamenti in famiglia e violenza sessuale su minore. Sono queste le accuse mosse al 43enne bresciano che è stato arrestato pochi giorni fa a Brescia, in periferia, patrigno violento che per tre anni (fin da quando lei ne aveva solo 14) avrebbe violentato la figliastra, e poi picchiato la madre e i suoi fratelli.

Disoccupato, una passione per la droga, un temperamento violento: un cocktail micidiale che negli ultimi tre anni non avrebbe mai smesso un attimo. Violenza sessuale, e violenza psicologica: la piccola sarebbe stata costretta a dimenticarsi della sua età spensierata, rinchiusa nell'incubo di un orco senza cuore.

Non solo: il padre padrone avrebbe trasformato l'esistenza di tutti in un piccolo inferno. I fratelli della figliastra, ma pure la madre, per lui compagna di vita: botte e minacce, il silenzio ad accompagnare una situazione ormai sempre più insostenibile.

La svolta solamente pochi mesi fa, in aprile: la giovane (ormai 17enne) ha raccontato tutto ad un'amica. E questa, a sua volta, lo ha detto allo psicologo della scuola. Poi sono partite le indagini, e pochi giorni fa l'arresto.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Lo schianto col tir, poi l'inferno: manager d'azienda muore carbonizzato nella sua auto

  • Due sorelle, lo stesso tragico destino: uccise dal cancro a distanza di 20 giorni

  • Brescia, morta Leontine Martin: era al vertice di un'azienda da mezzo miliardo di euro

  • Terribile schianto all'incrocio: motociclista muore in ospedale

  • Maltempo, arriva forte peggioramento: pioggia e abbondanti nevicate

  • Investita mentre va in pizzeria con la famiglia, muore madre di tre figli

Torna su
BresciaToday è in caricamento