Trova il cane morto avvelenato in una pozza di sangue: “Siete crudeli e senza cuore”

Il cane era nel suo box: la proprietaria lo ha ritrovato riverso in una pozza di sangue. Secondo le analisi effettuate dal veterinario sarebbe morto per avvelenamento. "Chiunque sia stato non ha un cuore"

Il pitbull avvelenato - Bresciatoday.it

Appena uscita dal lavoro è corsa a trovare il suo Schulz, come ogni pomeriggio. Mai avrebbe immaginato di trovarlo riverso nella sua cuccia, in una pozza di sangue. Un orrore che Claudia Martinelli difficilmente riuscirà a togliersi dalla testa: il suo amato cucciolo di pitbull giaceva immobile all'interno del recinto, ormai privo di vita.

La ragazza, sotto shock, ha chiesto immediatamente aiuto al padre ed è scattata la corsa dal veterinario: "Ma per Schultz non c'era ormai più nulla da fare - racconta Claudia -. Era steso a terra con la bocca e il sedere pieni di sangue, in quel momento mi è crollato il mondo addosso. Il medico ci ha poi spiegato che il decesso era stato causato da un boccone avvelenato che aveva ingerito".

Il cane viveva in un'area recintata ricavata all'interno di un cascinale di Villachiara, di proprietà di alcuni parenti della giovane, e nelle ore precedenti il decesso non sarebbe mai uscito dal recinto.

"Ero andata a trovarlo la sera prima e stava benissimo: saltava e giocava come sempre. È impossibile - spiega Chiara - che abbia ingerito il boccone in un altro posto: qualcuno ha volontariamente buttato l'esca avvelenata all'interno del box per ucciderlo."

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ragazza grave in ospedale per un'infezione: un altro caso dopo Veronica?

  • Operai al cimitero: la bara scivola, si rompe e fuoriesce la salma

  • La testa schiacciata tra la gru e il tetto: così è morto Antonio, padre di tre figli

  • Investita nel parcheggio del centro commerciale: donna muore sul colpo

  • Notte di paura: si trova un orso davanti e lo travolge con l'auto

  • Cane rinchiuso per mesi al buio: era costretto a vivere tra feci e urine

Torna su
BresciaToday è in caricamento