Cronaca

Schiuma nel fiume Mella, ma i pompieri 'annaffiano' l'assessore

Ancora emergenza inquinamento lungo il fiume Mella: schiuma bianca da Villa Carcina a Concesio. Non è la prima volta: gli sversamenti illegali proseguono da più di un mese. Disavventura per l'assessore all'ambiente

Copyright © Giovanni Fenaroli/Bresciatoday.it

Forse la foga di un allarme incendio scattato così in fretta, mentre ancora si ragionava sull'ennesima 'schiumata' apparsa sul fiume Mella, questa volta in territorio di Villa Carcina. Ma nel pomeriggio i Vigili del Fuoco sono dovuti correre al cimitero, per un principio d'incendio: sicuramente doloso, forse una bravata forse un piccolo rogo di sterpaglie andato fuori controllo.

L'imprevisto è davvero dietro l'angolo: a poca distanza infatti si trova il Mella, proprio in quel momento per un sopralluogo anche l'assessore all'ambiente Anna Rizzinelli. Investita – o meglio innaffiata – dal getto d'acqua dell'autopompa, che l'ha lavata dalla testa ai piedi. Niente di grave, solo un po' di freddo e una corsa a casa a cambiarsi d'abito.

Disavventure a parte, la schiuma ha avvolto il Mella per oltre un chilometro, l'acqua biancastra – la sorgente inquinante dovrebbe essere stata individuata proprio a Villa Carcina – ha poi raggiunto anche il ponte di San Vigilio a Concesio. Si tratterebbe di uno scarico industriale, e non domestico.


Qualcuno si potrebbe essere allacciato agli scarichi fognari: gli sversamenti ormai sono continui e periodici, dalla fine di novembre si contano già tre episodi simili, l'ultimo anche sul finire dell'anno. La reazione è la stessa: schiuma bianca, lungo il fiume.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Schiuma nel fiume Mella, ma i pompieri 'annaffiano' l'assessore

BresciaToday è in caricamento