rotate-mobile
Martedì, 27 Febbraio 2024
Cronaca

Bambine violentate con la scusa di giocare a nascondino: arrestato

Violenza sessuale, corruzione e adescamento di minori

Presunto pedofilo in fuga arrestato dai carabinieri: su di lui pendeva un'ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal Gip del Tribunale di Brescia. In manette un 57enne italiano, domiciliato a Viadana ma rintracciato a Napoli, dove si era trasferito da qualche settimana: già noto alle forze dell'ordine, è ora accusato di violenza sessuale, corruzione e adescamento di minori.

Le indagini sono state svolte dai carabinieri della stazione di Viadana con il coordinamento del pm Alessio Bernardi, Procura di Brescia: hanno preso il via nell'ottobre scorso a seguito della richiesta di intervento pervenuta al Radiomobile di Viadana per un tentativo di adescamento nei confronti di quattro bambine, di età compresa tra i 10 e i 12 anni.

"Contorni raccapriccianti"

I primi accertamenti hanno portato al sequestro di materiale informatico e altri oggetti inerenti ai reati nella disponibilità dell'uomo: ascoltate anche le vittime, nel rispetto delle procedure e delle tutele previste dalla legge. "Dai racconti delle giovani vittime - si legge in una nota dell'Arma - sono emersi gravi indizi di reità nei confronti del 57enne, che hanno permesso di ricostruire un quadro della situazione puntuale e dai contorni raccapriccianti".

Bambine adescate in casa

Sarebbe infatti emerso come l'indagato, tra l'altro già condannato anni fa per reati simili, tra agosto e ottobre avrebbe invitato diverse bambine o ragazzine in un camper o nel proprio garage, con la scusa di farle giocare a nascondino. Una volta all'interno, avrebbe mostrato loro video e immagini dal contenuto sessuale esplicito: in un'altra occasione si sarebbe spinto anche oltre, "con gravi condotte configurabili come una vera e propria violenza sessuale", scrivono ancora i Carabinieri.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Bambine violentate con la scusa di giocare a nascondino: arrestato

BresciaToday è in caricamento