rotate-mobile
Giovedì, 19 Maggio 2022
Cronaca Via Milano / Via Milano

Trascinata con la forza e poi stuprata al cimitero: l'incubo di una ragazza

Arrestato l'aggressore: era già stato condannato per stupro. L'episodio in Via Milano

Aggredita e stuprata nel giardino del cimitero Vantiniano: è il crudele epilogo di un lunedì sera come tanti, in Via Milano, ma che stavolta si è concluso nel peggiore dei modi. La vittima è una ragazza di 29 anni, il suo aggressore un 24enne di origini nigeriane tra l'altro in passato già condannato (e già in carcere) per stupro. Il giovane è stato arrestato grazie al pronto intervento della Polizia Locale di Brescia, che ha intercettato la 29enne mentre camminava seminuda, in lacrime, e chiedeva aiuto.

Stuprata al cimitero

Tutto sarebbe successo intorno alle 22. La ragazza si sarebbe avventurata in Via Milano in cerca di una dose di cocaina: avrebbe chiesto al 24enne, che dopo averla adescata le sarebbe letteralmente saltato addosso, trascinandola via con sé. Facile immaginare le grida della giovane, ma nessuno si sarebbe accorto di nulla. Arrivati alle porte del cimitero, il 24enne le avrebbe strappato i vestiti di dosso (non dopo averla colpita con la fibbia della cintura) e stuprata, per poi derubarla e abbandonarla al suo destino.

Tempo pochi minuti e la ragazza (in lacrime) viene vista e soccorsa dalla Polizia Locale. Gli agenti riusciranno a risalire all'aggressore grazie alla sua minuziosa descrizione. La 29enne come da prassi è stata trasferita in ospedale per i doverosi accertamenti. Lo straniero verrà infine fermato non lontano dal luogo dello stupro, con un cappuccio in testa per cercare di nascondersi. Non è bastato.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Trascinata con la forza e poi stuprata al cimitero: l'incubo di una ragazza

BresciaToday è in caricamento