Martedì, 16 Luglio 2024
Cronaca Vestone

Il padre che ha rubato 150mila euro al figlio invalido dopo l'incidente

Condanna definitiva con sentenza della Cassazione

Con sentenza della Corte di Cassazione è definitiva la condanna (a 2 anni di reclusione, ma con la condizionale) a carico di S.B., residente a Nozza di Vestone, padre di un uomo rimasto invalido e incapace di intendere di volere a seguito di un grave incidente avvenuto nel 2007: era stato accusato (e condannato tre volte) di aver indebitamente sottratto più di 150mila euro al figlio, approfittando della sua condizione di disabilità quando era stato nominato amministratore di sostegno.

Il processo

A denunciare l’accaduto era stata la figlia dell'invalido, nipote dell’uomo finito a processo: secondo quanto ricostruito dalla Procura di Brescia, il padre (e nonno) tra il 2008 e il 2015 si sarebbe intascato oltre 150mila euro tra denaro e beni mobili, che sarebbero stati sottratti con assegni e prelievi direttamente dal conto corrente del figlio, tra l’altro titolare di un’attività commerciale.

Per la difesa, invece, i soldi prelevati dall’ultra 80enne sarebbero stati invece utilizzati per ripagare i debiti del figlio oltre che per sostenere le spese di mantenimento. Circostanza da subito contestata dalla pubblica accusa, poi confermata in sede processuale: l’anziano finito sul banco degli imputati per peculato era stato inizialmente condannato (in primo grado) a 3 anni e 2 mesi, poi ridotti a 2 anni in appello, infine confermati in cassazione.  

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il padre che ha rubato 150mila euro al figlio invalido dopo l'incidente
BresciaToday è in caricamento