Violenta lite davanti al figlioletto, rompe un vaso in testa alla moglie

Violenta lite in una casa di vestone: la vittima è una ragazza marocchina, con un bimbo di soli 4 anni. E' stata aggredita, per l'ennesima volta, dal marito violento

Foto d'archivio

Violenta lite tra le mura di casa, giovane donna finisce in ospedale: è successo l'altra sera a Vestone, la vittima è una ragazza di origini marocchine che è stata colpita più volte dal marito di 29 anni, sotto gli occhi attoniti del loro figlioletto, di soli 4 anni. Il litigio si è concluso con l'arrivo degli agenti della Polizia Locale della Valsabbia, non prima che la donna venisse colpita alla testa con un vaso di fiori.

L'avrebbe utilizzato a mo' di oggetto contundente, frantumandoglielo sul capo. La ragazza, già in lacrime, a quel punto sarebbe caduta a terra con qualche taglio alla testa, per fortuna lieve. E' stata accompagnata in pronto soccorso, medicata e subito dimessa con pochi giorni di prognosi.

Gli agenti sono intervenuti a seguito di una chiamata al numero unico 112. Non è dato sapere se siano stati i vicini di casa, o se oppure la giovane donna sia riuscita a liberarsi dalla morsa del marito violento e a chiedere aiuto.

Sta di fatto che la Locale è arrivata, e ha subito interrotto la violenza: il 29enne è stato accompagnato al comando e interrogato. E' stato poi denunciato per lesioni personali, minacce e ingiurie. L'incubo è finito: mamma e figlio non torneranno più a casa. Della vicenda se ne sta occupando la Procura.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ragazza grave in ospedale per un'infezione: un altro caso dopo Veronica?

  • Operai al cimitero: la bara scivola, si rompe e fuoriesce la salma

  • La testa schiacciata tra la gru e il tetto: così è morto Antonio, padre di tre figli

  • Investita nel parcheggio del centro commerciale: donna muore sul colpo

  • Notte di paura: si trova un orso davanti e lo travolge con l'auto

  • Cane rinchiuso per mesi al buio: era costretto a vivere tra feci e urine

Torna su
BresciaToday è in caricamento