Giovedì, 24 Giugno 2021
Cronaca

Verolavecchia: «adiós caramba!», spettacolare fuga sui tetti

Inseguito da sei agenti, un atletico 25enne originario del Senegal scappa sui tetti fino a dileguarsi gettandosi nel fiume Strone

Carabinieri sul fiume Strone

VEROLAVECCHIA. Ha poco da invidiare ad attori del cinema d'azione quali Tom Cruise o Bruce Willis, il migrante senegalese di 25 anni che martedì è stato protagonista di una fuga dai carabinieri davvero spettacolare.

Verso le 20:00, arrivato alla stazione ferroviaria, il giovane ha trovato i carabinieri ad attenderlo in quanto ricercato per precedenti reati.

Tampona una famiglia.
Ubriaco, abbandona l'auto e scappa a piedi

Alla vista dei militari, però, ha iniziato una corsa disperata per le via del centro, con alle spalle sei agenti in divisa che cercavano in tutti i modi di stare al suo passo.

La scena, naturalmente, ha iniziato a suscitare curiosità e spavento tra la gente in strada, mentre assisteva allibita all'incredibile gara di velocità.

Il migrante, a un certo punto, invece che continuare lungo le strade "normali", ha iniziato una corsa ad ostacoli tra siepi e ringhiere delle case di via Bambini e via Gaggia.

Poi, una volta arrivato in via Dante, si è infilato all'interno di una forneria e, salito al primo piano, si è lanciato fuori dalla finestra continuando la fuga sui tetti.

Nulla da fare a qual punto per i carabinieri, che non hanno potuto far altro che seguirlo da terra fino a perderne le tracce nella zona parco Nocivelli: qui, l'atletico fuggiasco si è gettato nel fiume Strone scomparendo definitivamente tra alberi e campi. Si è soliti dire che il crimine non paga, ma - se riuscirà a mettere la testa a posto - un futuro in qualche squadra di triathlon è assicurato.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Verolavecchia: «adiós caramba!», spettacolare fuga sui tetti

BresciaToday è in caricamento