menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Stupra l'ex-fidanzata, tenta di corrompere i carabinieri con due mucche

L'incredibile vicenda è avvenuta a Verolanuova. Protagonista un 63enne bresciano che, di fronte agli agenti arrivati nella sua abitazione per arrestarlo, ha cercato di evitare il carcere offrendo loro due mucche

Nella giornata di domenica, i carabinieri di Salò si sono presentati nella abitazione di un 63enne di Verolanuova per arrestarlo con l’accusa di stalking, violenza sessuale e sequestro di persona.

A quel punto, l’anziano bresciano ha giocato il tutto per tutto e, con sprezzo del ridicolo, ha cercato di corrompere gli agenti: “Se non mi portate dentro, vi regalo due mucche”. I carabinieri, mantenendo alto l’onore dell’Arma, hanno rifiutato senza esitare.

Secondo la ricostruzione fatta dagli inquirenti, l’uomo avrebbe abusato di una sua ex-amante, una donna romena di 46 anni, nella notte tra il 19 e il 20 aprile. Il giorno seguente, non pago delle percosse e dell’aggressione sessuale, ha incominciato a minacciarla di morte tramite sms. A quel punto è scattata la denuncia da parte della donna.

Difficile dire se la proposta fatta agli agenti verrà utilizzata dall'avvocato per chiedere l’infermità mentale. Quel che è certo, è che adesso all’accusa di stupro si è aggiunta quella di tentata corruzione di pubblico ufficiale.
 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Coronavirus

Imprenditore bresciano stroncato dal Covid: lascia quattro figli

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BresciaToday è in caricamento