Cronaca

Halloween 'satanico' al cimitero di Iseo: profanate le tombe

Blitz notturno di ignoti, nei pressi della cappella Resurrecturis al cimitero di Iseo: profanato l'antico altare e danneggiate le tombe dei 'vecchi' sacerdoti. Lungo il percorso lumini e candele, sottratte le vecchie reliquie

Notte di Halloween maledetta al cimitero di Iseo: un gruppo di ignoti ha preso di mira la cappella Resurrecturis, provocando ingenti danni all’ingresso, agli altari, perfino alle tombe che ‘ospitano’ i vecchi sacerdoti.

Un blitz che richiama gli atti vandalici che purtroppo si ripetono in tutta la Provincia, e proprio nella notte del 31 ottobre: spesso giovani ubriachi, che danno sfogo alla loro creatività colpendo luoghi sacri e antichi.

Ma questa volta pesa come un macigno il sospetto del satanismo, e lo ha ricordato anche don Giuliano nel corso della messa andata in scena ieri mattina. I vandali hanno infatti colpito lo storico altare, vecchio di ormai 400 anni, e hanno pure preso di mira i loculi che circondano la chiesetta stessa.

Ad alimentare i sospetti ‘satanici’ anche il tentativo di forzare le tombe stesse, rotte con pietre e sassi, e pure quelle inquietanti candele che come in un macabro percorso hanno accompagnato la scia dei danneggiamenti.

Mistero nel mistero, la rimozione dell’antica “pietra santa” che al suo interno recava varie reliquie, che nella leggenda erano riconducibili ai santi di paese, ma anche di provincia. “Non voglio pensare ad un rito satanico – ha detto don Giuliano durante la messa – ma tutto porta in quella direzione”.

E con un po’ di amarezza, ha concluso così la sua omelia: “Chi non rispetta i morti, è destinato a morire con loro”.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Halloween 'satanico' al cimitero di Iseo: profanate le tombe

BresciaToday è in caricamento