Picchia i genitori per pagarsi la cocaina: "Abbiamo paura di nostro figlio"

La storia amara di una famiglia della Valtrompia: mamma e papà alle prese con un figlio difficile, ha solo 27 anni ma porta con sé un problema enorme, la dipendenza da cocaina. La denuncia ai Carabinieri dopo le botte

Ha solo 27 anni ma porta con sé un problema enorme: la dipendenza da cocaina. Ne fa uso da anni, ne ha un bisogno 'fisico': tanto da non esitare nel minacciare e malmenare anche i genitori, pur di ottenere i soldi che gli servono per comprarsi la droga. A denunciare una situazione ormai fuori controllo è la madre, una donna di 50 anni, sulle pagine di BresciaOggi.

Siamo in un imprecisato Comune della Valtrompia. La cosa si ripete da anni: pur di avere i soldi il ragazzo picchia i genitori. Si comincia con le parole grosse, poi con le minacce: in più occasioni il giovane ha alzato le mani. Dopo l'ultimo litigio i genitori hanno sporto denuncia ai Carabinieri.

La speranza è che la giustizia faccia il suo corso, che il figlio venga allontanato da casa ma non per essere messo in galera o in mezzo alla strada, ma che venga inserito in un percorso di recupero in una comunità per tossicodipendenti. “Non possiamo e non vogliamo buttarlo fuori di casa”, avrebbero ripetuto i genitori.

Una scelta di coraggio: dopo anni di abusi hanno deciso di rompere il silenzio. “Vogliamo difenderci e allo stesso tempo aiutarlo”. E l'unica strada da percorrere sembra quella della comunità. Anche se non sarà facile: “Ormai non ci ascolta da anni. Abbiamo paura”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La nuova star della dieta? Un nutrizionista bresciano: "Ecco il mio metodo"

  • Tutte le regioni zona gialla a dicembre, ma si va verso il divieto di spostamento

  • Tragedia in paese: giovane uomo si chiude in garage e si toglie la vita

  • Massimo Boldi: il negazionista Covid testimonial del nuovo spot di Regione Lombardia

  • Maestra positiva al Covid: "Dolori allucinanti, anche alla testa. Ho temuto d'essere morta"

  • Zona rossa: il ristorante rimane aperto a pranzo, ed è tutto a norma di legge

Torna su
BresciaToday è in caricamento