Lunedì, 21 Giugno 2021
Cronaca

Il marito sta morendo, chiede aiuto in strada. Il gip: “E’ stata lei a ucciderlo”

BASSO GARDA. Il fatto è successo il 16 dicembre 2006 a Valeggio sul Mincio. Una donna, N.F. le iniziali, esce di casa con le mani insanguinate per chiedere aiuto. Non è lei ad essere ferita, ma il marito Aziz Najih. Al loro arrivo, i soccorritori trovano l'uomo in fin di vita sul letto: morirà poco dopo.

Aziz Najih è deceduto per una ferita al cuore. “Una ferita non accidentale”, ha stabilito il gip Livia Magri, che ha rinviato a giudizio la moglie con l'accusa di omicidio volontario. 

Il giorno della sua morte, l'uomo era tornato a casa ubriaco in bicicletta e, secondo il giudice, sarebbe inverosimile la versione di un incidente durante il rientro, perché non sono state trovate tracce di sangue all'esterno dell'abitazione e lungo il percorso fino alla camera da letto, che, inoltre, difficilmente avrebbe potuto affrontare in quelle condizioni.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il marito sta morendo, chiede aiuto in strada. Il gip: “E’ stata lei a ucciderlo”

BresciaToday è in caricamento